EventsEventi
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Il Giappone invita i suoi giovani a bere di più: al via la campagna "Sake Viva!"

Barman giapponese
Barman giapponese Diritti d'autore Hiro Komae/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved
Diritti d'autore Hiro Komae/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Gli effetti del post pandemia e un basso tasso di natalità hanno fatto calare progressivamente il consumo di alcolici in Giappone. Con un rilevante calo delle entrate

PUBBLICITÀ

Al via l'operazione "Saké Viva!" In Giappone le autorità fiscali lanciano la campagna l'obiettivo di indurre i giovani giapponesi a bere più alcolici perché meno bevono, meno lo Stato guadagna. 

Pandemia e demografia sono le due cause principali della diminuzione del consumo: secondo la Banca mondiale il 29 per cento della popolazione supera i 65 anni, con un tasso di natalità molto basso rispetto alla media.

Al contempo, alcune previsioni dicono che la popolazione del Giappone potrebbe ridursi del 30 per cento e sfiorare i 90 milioni (a fronte dei 130 attuali).

Meno alcool, meno entrate per lo Stato

Sabato sera, nel quartiere alla moda di Shibuya a Tokyo, i bar sono pieni e i bicchieri di alcolici sono vuoti. Ma al governo giapponese questo non basta, e per questo ha lanciato la sua campagna: un concorso per trovare slogan o idee per rendere l'alcool più attraente per i giovani tra i 20 e i 39 anni, in un Paese in cui la pubblicità di bevande alcoliche è già presente ovunque. 

Il birrificio Kirin, per esempio, che produce Kirin lager e Ichiban Shibori, ha dichiarato che il consumo pro capite di birra in Giappone è stato di circa 55 bottiglie nel 2020, con un calo del 9,1% rispetto all'anno precedente. E anche se sono passati più di due anni dall'inizio della pandemia, lo scorso giovedì nel Paese si sono registrati più di 255.000 casi di coronavirus, che fanno storcere il naso a qualche giovane riguardo all'iniziativa del governo. 

"I media annunciano casi record di Covid, mentre i ristoranti dicono: non parlate mentre mangiate, indossate una maschera", ha detto Chika Kato, 27 anni, consulente a Tokyo. "Ma allo stesso tempo il governo ci chiede di uscire e bere".

Per questo il governo ha bisogno di idee: promozioni, intuizioni, idee. Per la campagna Saké Viva tutto vale. Anche il metaverso e l'intelligenza artificiale. I partecipanti hanno tempo fino al 9 settembre per presentare i propri progetti atti a convincere le giovani generazioni ad alzare il gomito. 

A novembre sarà tenuta la premiazione, ovvero un finanziamento da parte dell'agenzia delle entrate al progetto migliore

"Bene aiutare i produttori". Ma non tutti sono d'accordo

Per dare un'idea della diminuzione delle entrate, nel 1995, un giapponese beveva in media circa 100 litri di alcol all'anno, contro i 75 litri per adulto del 2020. Per l'erario, le entrate fiscali derivanti dall'alcol sono scese dal 5% nel 1980 all'1,7% nel 2020. Secondo il "Japan Times", la riduzione di entrate provenienti dalle tasse sull'alcool tra il 2020 e il 2021 è stata la peggiore negli ultimi 31 anni. 

Il Giappone sta cercando ogni modo per ridurre il proprio debito, e l'aumento della vendita di alcolici fa parte di questa strategia. 

"È un bene aiutare i produttori locali di alcolici, e se non solo i consumatori più anziani bevono di più, è una buona opportunità", afferma la sommelier Kiyri Matsui.

Per i professionisti, dopo mesi di Covid-19, chiusure notturne e altro, questa è un'ottima notizia. Per altri, come Noboru Hosaka, direttore dell'Associazione "No to alcohol", un po' di meno: "è una politica che non fa per niente bene al Paese". Ma anche l'economista Hidetomi Tanaka giudica l'iniziativa una campagna "irresponsabile e non ortodossa". 

Secondo il ministero della Salute giapponese, circa un milione di giapponesi soffre di alcolismo, e 9.8 sono a rischio. 

Gli organizzatori del concorso hanno dichiarato che l'obiettivo non era l'eccesso di alcool, aggiungendo che le persone dovrebbero bere solo "la quantità appropriata" e adottare misure di "buon senso" per evitare di contrarre il virus. 

"Non stiamo in alcun modo promuovendo il consumo eccessivo di alcol tra i giovani", ha dichiarato Ryo Tsukamoto, portavoce della divisione per le tasse sull'alcol dell'agenzia.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il Giappone si riapre ai turisti

"Nanmadol", il tifone che spaventa il sud-ovest del Giappone. Martedì è previsto l'arrivo a Tokyo

Giappone, Il partito di Abe in testa dopo gli exit poll