EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Operaio morto alla Saras: l'autopsia conferma l'annegamento

Si attendono i risultati degli esami istologici e tossicologici
Si attendono i risultati degli esami istologici e tossicologici
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - CAGLIARI, 19 AGO - È annegato, Stefano Nonnis, l'operaio di 42 anni di Santadi morto dopo essere finito in mare, mercoledì mattina, mentre lavorava per una ditta esterna su un pontile della raffineria Saras di Sarroch (Città metropolitana di Cagliari). È quanto emerge dall'autopsia condotta al Policlinico di Monserrato dal dottor Roberto Demontis. Gli esami, richiesti dalla pm Diana Lecca che ha aperto un'inchiesta contro ignoti con l'ipotesi di omicidio colposo, sono durati circa tre ore e hanno confermato la prima ipotesi: l'operaio è morto annegato. Il medico legale ha eseguito tutti i prelievi per gli esami tossicologici e istologici che serviranno ad avere un quadro completo delle condizioni di salute del 42enne. Rimangono aperti ancora molti punti su quanto accaduto mercoledì mattina sul pontile della raffineria: l'operaio è inciampato ed è caduto in acqua, senza riuscire a nuotare a causa delle attrezzature e dei vestiti che indossava, oppure potrebbe aver avuto un malore che gli ha fatto perdere l'equilibrio? Tutta l'attrezzatura utilizzata dal 42enne è stata sequestrata. Spetterà adesso agli accertamenti dello Spresal chiarire i diversi aspetti della vicenda. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Balcani: il lago di Prespa è allo stremo, appello delle ong alle istituzioni

Le notizie del giorno | 16 luglio - Serale

Cina e Russia iniziano un'esercitazione congiunta nell'Oceano Pacifico