Figlio martire piazzale Loreto, no eredi fascismo a Chigi

Cenati, considerazioni politiche non c'entrano con cerimonia
Cenati, considerazioni politiche non c'entrano con cerimonia
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 10 AGO - "Il 25 settembre quando voteremo inorridisco pensando che 100 anni dopo la marcia su Roma gli eredi del fascismo possono prendersi Palazzo Chigi e mettere mano alla Costituzione". Lo ha detto Sergio Fogagnolo, figlio di Umberto, uno dei partigiani assassinato dai nazifascisti in piazzale Loreto il 10 agosto del 1944, durante la cerimonia in ricordo dell'eccidio. Nell suo intervento, Fogagnolo ha anche definito il leader della Lega, Matteo Salvini, "ministro dell'Interno con vocazione totalitaria". Prende le distanze il presidente di Anpi Milano, Roberto Cenati: "sono considerazioni che non c'entrano nulla con la commemorazione". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Morte di Navalny: il funerale l'1 marzo a Mosca

Francia, fa discutere il trasferimento di 195 migranti da Mayotte a un castello alle porte di Parigi

Texas, decine di incendi fuori controllo: bruciati 300mila acri, evacuata fabbrica di armi nucleari