This content is not available in your region

L'amministrazione filorussa annuncia referendum per l'annessione di Zaporizhzhia

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
resti di un missile caduto vicino alla centrale di Zaporizhzhia
resti di un missile caduto vicino alla centrale di Zaporizhzhia   -   Diritti d'autore  AP/Russian Defense Ministry Press Service

Un referendum per l’annessione della regione di Zaporizhzhia alla Federazione Russa. Ad annunciarlo questo lunedì è Yevgeny Balitsky, che nella parte occupata di Zaporizhzhia è diventato capo dell'amministrazione installata da Mosca.

 "In vostra presenza - ha detto, durante un comizio-  ho firmato un decreto della commissione elettorale centrale di Zaporizhzhia per iniziare a lavorare sulla questione dell'organizzazione di un referendum per riunificare la regione alla Federazione Russa”.

Un annuncio che dà il segno di quanto spediti procedano i piani di annessione di Vladimir Putin. 

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskiy ha escluso qualsiasi colloquio di pace con la Russia se il Paese procederà con i referendum nelle aree occupate.

La notizia arriva mentre Russia e Ucraina continuano ad accusarsi reciprocamente di aver bombardato la centrale di Zaporizhia, nel sud dell'Ucraina, caduta in mano ai soldati russi all'inizio di marzo.

L'Agenzia internazionale per l'energia atomica ha formalmente chiesto a entrambe le parti belligeranti di lasciare entrare i suoi tecnici per un'ispezione d'urgenza.

Anche gli Stati Uniti hanno ripetutamente chiesto alla Russia di cessare le operazioni militari vicino agli impianti nucleari, com'è tornata a ripete la portavoce della Casa Bianca Karine Jean-Pierre

"Combattere vicino a un impianto nucleare è pericoloso - ha detto Jean Pierre - e continuiamo a chiedere alla Russia di cessare tutte le operazioni militari presso o vicino agli impianti nucleari ucraini e di restituire il pieno controllo all'Ucraina. Da parte nostra, continuiamo a sostenere gli sforzi dell'Agenzia Internazionale per l'Energia Atomica per adempiere al suo mandato di salvaguardia tecnica e per assistere l'Ucraina con misure di sicurezza nucleare in alcune parti degli impianti nucleari".

In precedenza anche il Segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres aveva chiesto che agli ispettori fosse consentito l'accesso all'impianto nucleare