This content is not available in your region

Le donne in Afghanistan private delle libertà prerogative delle società avanzate

Access to the comments Commenti
Di euronews
euronews_icons_loading
Donne afghane a Kabul
Donne afghane a Kabul   -   Diritti d'autore  Ebrahim Noroozi/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved.

I diritti delle donne in Afghanistan, che si consideravano minacciati, sono di fatto scomparsi come sostiene la rappresentante delle Nazioni Unite nel paese governato dai talebani. Ecco una delle conseguenze negative della ritirata Nato dal paese dell'Asia centrale. "L'Afghanistan è l'unico Paese al mondo in cui alle ragazze è vietato frequentare scuole superiori. Alle donne è vietato lavorare fuori casa, ad eccezione di alcuni settori e con ruoli particolari. Non ci sono donne nel governo nè esiste un dicastero dedicato alle problematiche femminili, alle donne viene di fatto vietato l'ingresso in politica - spiega Alison Davidian rappresentante del settore femminile delle Nazioni Unite in Afghanistan - Le donne devono avere un accompagnatore maschio quando percorrono più di 78 chilometri e in pubblico devono essere velate. Con questi limiti non possono guadagnarsi da vivere nè possono accedere in autonomia al diritto alla salute e all'istruzione, non possono esercitare i diritti elementari significa per loro sottostare a una violenza continua".

L'abbandono dell'Afghanistan

Al momento del ritiro degli ultimi contingenti Nato da Kabul nell'agosto 2021 i leader talebani avevano promesso un governo inclusivo, ma i proclami sono rimasti lettera morta anzi nuove restrizioni costringono le donne a un'esistenza miserabile. Mentre si prepara a festeggiare i primi 12 mesi dal ritorno al potere il governo talebano non vanta grandi relazioni internazionali,  sono pochissimi gli stati che riconoscono il governo dei fondamentalisti e l'isolamento del paese è una iattura per tutta la popolazione afghana.