EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Infermiere spiate, c'è un terzo indagato

I positivi attuali sono 42.546, salgono a 324 i ricoverati
I positivi attuali sono 42.546, salgono a 324 i ricoverati
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - EMPOLI (FIRENZE), 23 LUG - C'è un terzo indagato dalla procura di Firenze per la vicenda delle operatrici sanitarie spiate con una microcamera piazzata nei locali della doccia dello spogliatoio femminile al piano terra dell'ospedale San Giuseppe di Empoli (Firenze). Come i primi due finiti sotto la lente dei magistrati, anche il terzo sarebbe un tecnico dipendente di un'azienda che lavora in appalto per l'Asl Toscana Centro, e che avrebbe avuto accesso, come altre persone, alla stanza di servizio dove i carabinieri di Empoli, che portano avanti le indagini, hanno ritrovato i cavi e il monitor collegati alla telecamera incassata nel muro dello spogliatoio femminile. L'inchiesta ipotizza il reato di accesso abusivo in un sistema informatico protetto da misure di sicurezza. Prosegue poi la collaborazione degli esperti della polizia postale e di un gruppo specializzato in reati informatici e sessuali, per verificare l'ipotesi che le immagini filmate delle donne sotto la doccia siano finite su Internet, in qualche sito di natura pornografica. Un'altra ipotesi di reato sarebbe quella di revenge porn, ossia la condivisione pubblica di immagini o video intimi tramite Internet senza il consenso dei protagonisti, con finalità di vendetta, estorsione, ricerca di profitto o per annichilire la persona odiata. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Kenya: almeno 5 manifestanti morti nelle proteste contro approvazione legge finanziaria

Le notizie del giorno | 25 giugno - Serale

Ucraina: mandati di arresto della Cpi per i generali russi Shoigu e Gerasimov per crimini di guerra