Era evaso durante visita a tomba madre, arrestato in Montenegro

Massimo Riella si era nascosto nei boschi del Comasco
Massimo Riella si era nascosto nei boschi del Comasco
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 17 LUG - E' finita la latitanza di Massimo Riella, il 48enne evaso quattro mesi fa dopo che gli era stata concessa un'uscita, sotto scorta, dal carcere Bassone di Como, dove era detenuto in custodia cautelare con l'accusa di aver rapinato due anziani. L'uomo, su cui pendeva un mandato di cattura internazionale, è stato arrestato ieri in Montenegro, come riportano Il Giorno e il Corriere della Sera, dove la polizia del luogo lo ha identificato e fermato. Massimo Riella era stato arrestato lo scorso dicembre per una rapina ed era evaso il 12 marzo durante un permesso premio, quando gli era stato concesso di fare visita alla tomba della madre al cimitero di Brenzio, paesino sul lago di Como. Era bastato un attimo, in cui era rimasto senza manette, per la fuga. Poi per mesi era sparito nei boschi impervi del comasco, che conosceva bene dati i suoi trascorsi da bracconiere, probabilmente aiutato da amici e conoscenti. Fino a quando di lui si è persa ogni traccia. La sua fuga si è conclusa ieri in Montenegro, dove ora per per lui ci sarà l'estradizione. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

L'esercito israeliano a Ramallah e Betlemme. Arresti e morti in Cisgiordania e a Gaza

Riuscirà la Macedonia del Nord a eliminare il carbone entro il 2030? Più fondi per l'energia pulita

Usa, nuove accuse contro Hunter Biden per reati fiscali: "Vita stravagante senza pagare le tasse"