Consigliere regionale a Napoli, follie pre-esami degli studenti

Borrelli e Nasti: "San Martino ridotta a un campo di battaglia"
Borrelli e Nasti: "San Martino ridotta a un campo di battaglia"
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - NAPOLI, 22 GIU - "'Notte prima degli esami, notte di polizia. Certo qualcuno te lo sei portato via', cantava il cantautore capitolino Antonello Venditti descrivendo la notte prima degli esami di maturità. A Napoli, però, la Polizia non si è vista, la follia, in compenso, si". L'area più colpita dalle folle di maturandi è stata quella di San Martino ridotta alla stregua di un campo di battaglia. Bottiglie lasciate a terra, cocci di vetro, contenitori dei rifiuti ribaltati, immondizia a non finire". A denunciarlo, in una nota dove allega anche delle immagini, è il consigliere regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli, secondo il quale "la baraonda di studenti ha intasato le strade del quartiere seminando caos e disordini a bordo degli scooter che impazzavano anche sui marciapiedi". Borrelli pubblica anche un messaggio ricevuto da alcuni cittadini ("Signor consigliere, questa è la situazione a San Martino per 'la notte prima degli esami'. Situazione abominevole, sembrava che ci fosse l'apocalisse..."). "Si fa fatica a parlare di maturità in questi casi - sottolinea Borrelli insieme con il consigliere municipale di Europa Verde Rino Nasti - questi ragazzi si dimostrano in questo modo essere poco responsabili ma molto incivili. Siamo stati tutti giovani e sappiamo cosa vuol dire affrontare gli esami ma bisogna pur comprendere che bisogna rispettare sé stessi, la propria città e le altre persone. Questi ragazzi hanno dimostrato di essere davvero immaturi e meriterebbero di essere tutti bocciati per quello che hanno fatto. In ogni caso, chiediamo che le aree maggiormente frequentate dai giovani siano sottoposte a rigidi controlli, per il loro bene e di quello di tutta la cittadinanza e che le loro famiglie siano sanzionate per quello che hanno fatto. Se questi sono gli uomini maturi di domani, siamo messi proprio male". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina: colpite infrastrutture energetiche in Russia, almeno due morti a Belgorod

Paesi Bassi: sospese le trivellazioni a Groninga, alto rischio terremoti

Tesla richiama oltre tremila Cybertruck per un guasto al pedale