"Condanne a morte dei mercenari? Legittime e giuste"

Denis Pushlin, ledaer della Repubblica popolare di Donetsk
Denis Pushlin, ledaer della Repubblica popolare di Donetsk Diritti d'autore AP/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved.
Di euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Così il leader dell'autoproclamata repubblica popolare di Donetsk risponde alle critiche dell'ONU e dell'Occidente

PUBBLICITÀ

Le autorità della autoproclamata repubblica di Donetsk non cedono: per loro la condanna a morte comminata a due britannici e un marocchino, accusati di essere mercenari al servizio dell'Ucraina, è legittima e giusta.

Denis Pushlin, leader della repubblica separatista, ha risposto così alle critiche dell'Onu e dell'Occidente:

"Sono venuti in Ucraina per uccidere civili in cambio di denaro. Per questo non vedo ancora le condizioni per un'attenuazione o una modifica della sentenza. Credo che il tribunale abbia emesso una punizione perfettamente giusta per tutti e tre".

Pushlin ha anche accusato il premier britannico Johnson di aver ignorato la sorte dei condannati, dopo che un portavoce del capo del governo di Londra aveva detto di essere "sconvolto" per le condanne a morte.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina: morti e feriti negli attacchi russi in cinque regioni, Mosca tenta di avanzare

Guerra in Ucraina, Mosca dichiara agente straniero un giornalista della Bbc

Guerra in Ucraina, Putin: "Colpire impianti energetici per influenzare industria ucraina"