Si dimette diplomatico russo all'Onu, Boris Bondarev si vergogna di Mosca

Le manifestazioni a favore dell'Ucraina
Le manifestazioni a favore dell'Ucraina Diritti d'autore Martial Trezzini/' KEYSTONE / MARTIAL TREZZINI
Diritti d'autore Martial Trezzini/' KEYSTONE / MARTIAL TREZZINI
Di euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Si dimette diplomatico russo all'Onu, Boris Bondarev dice in una lettera pubblicata tramite il suo avvocatodi vergognarsi del suo Paese

PUBBLICITÀ

L'ambasciatore russo Boris Bondarev, della missione diplomatica permanente russa all'Onu, si è dimesso a causa dell'invasione dell'Ucraina.

"Non mi sono mai vergognato così tanto del mio Paese", ha spiegato nella lettera pubblicata attraverso il suo avvocato.

AP/AP
Boris BondarevAP/AP

"Questa guerra scatenata da Putin non è solo un crimine contro il popolo ucraino, ma anche il crimine più grave contro gli stessi russi, la cui speranza di vivere in una società libera e prospera è stata cancellata".

"Nei miei vent'anni di lavoro, ho visto le diverse espressioni della nostra politica estera, ma non mi sono mai vergognato così tanto del mio Paese e del mio lavoro come lo sono stato dal 24 febbraio di quest'anno", si legge.

Secondo Un Watch, di cui Hillel Neuer è direttore, Bondarev sarebbe il più alto diplomatico russo che lascia il servizio per protesta contro l'invasione dell'Ucraina.

Sul sito internet dell'Onu a Ginevra, alla pagina della Missione permanente della Federazione russa, è indicato come "consigliere". Al momento le dimissioni del consigliere russo non sono state confermate né dalle Nazioni Unite né dal Cremlino.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Davos 2024: al Forum economico si discute anche dei beni russi congelati

Forum economico a Davos, sul tavolo il piano di pace dell'Ucraina

La pazza corsa alla spesa militare in Europa, l'Italia non partecipa