Fonsai: a Giulia Ligresti 16mila euro per ingiusta detenzione

Rigettata richiesta di 1.3 mln per errore giudiziario
Rigettata richiesta di 1.3 mln per errore giudiziario
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 10 MAG - Mille euro al giorno. E' questo il risarcimento per ingiusta detenzione disposto dalla quinta corte d'appello di Milano nei confronti di Giulia Ligresti per 16 giorni trascorsi in carcere, quelli dal 17 luglio al 2 agosto 2013, e non per quelli successivi e per il periodo passato ai domiciliari, nell'ambito dell'inchiesta di Torino sul caso Fonsai. Inchiesta per cui la figlia del costruttore Salvatore Ligresti aveva patteggiato una pena definitiva a 2 anni e mezzo di reclusione poco dopo l'arresto poi annullata sei anni dopo. I giudici milanesi hanno rigettato una richiesta di indennizzo per errore giudiziario di un milione e 300 mila euro. Il collegio ha infatti negato il ristoro milionario in quanto ha ritenuto che Giulia Ligresti avesse diritto a un risarcimento solo per i 16 giorni in cella precedenti alla istanza di patteggiamento avanzata il 2 agosto di quell'anno. E questo in quanto la richiesta di patteggiare è una "inequivocabile manifestazione di volontà dell'imputato" e "presuppone il suo implicito riconoscimento di responsabilità". I mille euro al giorno sono una cifra più alta della media standard ma calibrata sul "clamore mediatico" dell'arresto e sulla "particolare afflittività" della detenzione. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ilaria Salis candidata alle elezioni europee con Alleanza Verdi e Sinistra

Polonia, arrestata sospetta spia russa: raccoglieva informazioni per attacco a Zelensky

Crisi in Medio Oriente, tra gli italiani preoccupazione e insoddisfazione per il ruolo dell'Ue