This content is not available in your region

1 Maggio, madre Luana 'morti come in guerra, nessuna festa'

Access to the comments Commenti
Di ANSA
3/5 primo anniversario morte della 22enne, risucchiata orditoio
3/5 primo anniversario morte della 22enne, risucchiata orditoio

(ANSA) – FIRENZE, 30 APR – “Domani non si può festeggiare
perché a quanto pare sul lavoro c‘è una vera e propria guerra.
Lo dicono chiaro anche i dati, tre morti al giorno, hanno fatto
una media, quindi i lavoratori cosa devono festeggiare?”. E se
lo fanno spero “facciano festa diversamente” il Primo maggio,
che “scendano in piazza anche loro” per avere in primo luogo “la
sicurezza”. Alla vigilia della festa dei lavoratori Emma
Marrazzo torna a parlare delle tutele che mancano sui luoghi di
lavoro e di sua figlia Luana, che al lavoro ha perso la vita, a
22 anni: tra pochi giorni, il 3 maggio, sarà il primo
anniversario dell’incidente nella ditta di Montemurlo (Prato),
quando la giovane fu risucchiata nell’ingranaggio dell’orditoio
a cui era addetta. Macchinario al quale, secondo l’inchiesta
della procura di Prato, sarebbe stati disattivati i dispositivi
di sicurezza. “Spero che si riesca a ottenere qualcosa – dice
ancora parlando del suo impegno perchè i luoghi di lavoro
diventino più sicuri -. Io sarei contenta se mettessero le
telecamere sul posto di lavoro”, e servirebbero più controlli a
sorpresa e una maggiore formazione, soprattutto pratica, per
chi, come sua figlia, è solo un apprendista. “Sono morti che si
possono evitare – dice ancora -, morti violente come in una
guerra” solo che l’arma che viene usata è la mancanza di “buon
senso, cuore”, è la “disumanità” di togliere i dispositivi di
sicurezza al macchinari. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.