EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Il cognome del figlio, tutto quel che ancora non sapete sulla sentenza della Corte costituzionale

Il cognome del figlio in Italia non sarà più automaticamente quello del padre
Il cognome del figlio in Italia non sarà più automaticamente quello del padre Diritti d'autore Francisco Seco/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved
Diritti d'autore Francisco Seco/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved
Di euronews con Ansa
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Una decisione storica per l'Italia. In Paesi come Spagna e Portogallo il doppio cognome è norma

PUBBLICITÀ

Sono illegittime tutte le norme che attribuiscono automaticamente il cognome del padre ai figli.

Lo ha stabilito la Corte costituzionale.

È "discriminatoria e lesiva dell'identità del figlio" la regola che attribuisce automaticamente il cognome del padre, stabilisce una sentenza della Corte costituzionale alla luce della quale la regola diventa che il figlio assume il cognome di entrambi i genitori nell'ordine dai medesimi concordato, salvo che essi decidano, di comune accordo, di attribuire soltanto il cognome di uno dei due. In mancanza di accordo sull'ordine di attribuzione del cognome di entrambi i genitori, resta salvo l'intervento del giudice in conformità con quanto dispone l'ordinamento giuridico.

Riunita in camera di consiglio,la Consulta ha esaminato le questioni di legittimità costituzionale sulle norme che regolano, nell'ordinamento italiano, l'attribuzione del cognome ai figli.

In particolare, la Corte si è pronunciata sulla norma che non consente ai genitori, di comune accordo, di attribuire al figlio il solo cognome della madre e su quella che, in mancanza di accordo, impone il solo cognome del padre, anziché quello di entrambi i genitori. In attesa del deposito della sentenza, l'Ufficio comunicazione e stampa della Corte costituzionale fa sapere che le norme censurate sono state dichiarate illegittime per contrasto con gli articoli 2, 3 e 117, primo comma, della Costituzione, quest'ultimo in relazione agli articoli 8 e 14 della Convenzione europea dei diritti dell'uomo.

Secondo la Corte nel solco del principio di eguaglianza e nell'interesse del figlio, entrambi i genitori devono poter condividere la scelta sul suo cognome, che costituisce elemento fondamentale dell'identità personale. La Corte ha, dunque, dichiarato l'illegittimità costituzionale di tutte le norme che prevedono l'automatica attribuzione del cognome del padre, con riferimento ai figli nati nel matrimonio, fuori dal matrimonio e ai figli adottivi. È compito del legislatore regolare tutti gli aspetti connessi alla presente decisione. La sentenza sarà depositata nelle prossime settimane.

**Decisione storica **

"Una grande soddisfazione. La coppia che ha intrapreso questo complesso e faticoso iter giudiziario mi ha chiamato: sono commossi e consapevoli di avere scritto una pagina storica, loro ci hanno sempre creduto". Così l'avvocato Domenico Pittella all'Ansa legale, assieme al collega Giampaolo Brienza, della coppia della Basilicata dalla cui vicenda  è scaturita la decisione della Consulta che ha stabilito illegittime tutte le norme che attribuiscono automaticamente il cognome del padre ai figli.

**Un passo avanti per Marta Cartabia **

"Grazie alla Corte Costituzionale, un altro passo in avanti verso l'effettiva uguaglianza di genere nell'ambito della famiglia". Lo ha detto la ministra della Giustizia, Marta Cartabia, commentando la sentenza della Corte Costituzionale sul cognome paterno, durante il suo intervento al seminario in memoria di Miriam Mafai all'istituto all'istituto Treccani.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Cognome anche delle madri, le reazioni dall'Europa: "Passo in avanti fondamentale verso la parità"

Berlusconi e l'Europa: un anno dalla scomparsa di un leader che ha spiazzato l'Ue

Gli eletti nella circoscrizione Nord Est: FdI, Pd, FI, Lega, M5S, AvS, Stati Uniti d'Europa