This content is not available in your region

Faccia a faccia in tv tra Macron e Le Pen, con Putin convitato di pietra

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Dibattito in vista del secondo turno delle presidenziali
Dibattito in vista del secondo turno delle presidenziali   -   Diritti d'autore  Ludovic Marin/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved.

Dopo 5 anni, tra Emmanuel Macron e Marine Le Pen, è un déjà vu che si ripropone però nel tragico scenario di una guerra alle porte dell'Europa e di una crisi domestica legata al potere d'acquisto in Francia.

Nell'unico dibattito televisivo in vista del secondo turno delle presidenziali francesi, Emmanuel Macron ha accusato Marine Le Pen - contraria alle sanzioni su petrolio e gas russo - per la sua vicinanza a Vladimir Putin. Un'affinità che è poi dipendenza, incalza il presidente uscente all'indirizzo della candidata del Rassemblement National.

L'ombra di Putin a destra

"Per il nostro Paese, questa è una brutta notizia perché voi dipendete dal regime russo e dipendete da Putin. Perché, signora Le Pen, lei ha preso un prestito nel 2015 da una banca russa, la prima banca ceco-russa, che è vicina al governo, tutto ciò è totalmente trasparente, conosciuto, notificato. E quindi, lei non parla con gli altri leader, lei parla con il suo banchiere quando parla di Russia" ha detto Macron.

Europa sì, Europa no

I due si sono scontrati anche sull'Europa.

Macron ha accusato la leader del Rassemblement National di mentire quando dice di aver rinunciato alla Frexit, la fuoriuscita della Francia dall'Unione europea.

"L'Europa non è tutto o niente, non è: 'prendiamo tutto e non diciamo niente o non prendiamo niente' - ha dichiarato Le Pen - Voglio restare nell'Unione Europea, voglio cambiarla profondamente per realizzare effettivamente un'alleanza europea delle nazioni. "

"Il vostro progetto - ha replicato il presidente uscente - è un progetto a cui non date un nome, ma che consiste nel farci uscire dall'Europa. Lei può decidere di dipingere i muri di casa per conto suo ma, ma quando si vive in comproprietà, non si può dire da un giorno all'altro: 'Non è più un alloggio condiviso. È come dico io, perché sono la signora Le Pen ".

Potere d'acquisto e salari, la priorità

Dentro i confini, Le Pen ha spinto su pensioni e salari: "Vi ricordate che è perché avete aumentato le tasse sul carburante che si sono innescati prima di tutto problemi di potere d'acquisto per i francesi, ma anche la crisi dei "gilet gialli"? Bene, avete sospeso quell'aumento, non lo avete ritirato di fatto. Quindi, domani potrebbe eventualmente riprendere la traiettoria di aumento che avevate previsto. Quello che voglio è ridare ai francesi i loro soldi. Non fate altro che distribuire assegni. Vi dico che gli assegni sono inflazionistici, come è sempre stato per tutte le economie che li distribuiscono ".

È un passaggio delicato quello sui salari, "Io dico che abbasso gli oneri a carico del datore di lavoro, abbasso le tasse - ha sottolieneato  Macron - Ma lei sta cercando di far credere che aumenterà gli stipendi del 10% e che sarà periodico. Io dico che non è vero".

Marine Le Pen e Emmanuel Macron si sono scontrati praticamente su ogni argomento proposto nell'ultimo dibattito in vista del secondo turno delle presidenziali di domenica. Una ulteriore testimonianza delle loro visioni profondamente diverse in campo

Secondo gli ultimi sondaggi, a pochi giorni dal voto finale, il presidente uscente Emmanuel Macron è in testa, con un margine che oscilla fra il 3% e il 13%.