This content is not available in your region

Allarme mine nel Mar Nero: Kiev, "disinformazione dei russi"

Access to the comments Commenti
Di Giulia Avataneo
euronews_icons_loading
Allarme mine nel Mar Nero: Kiev, "disinformazione dei russi"
Diritti d'autore  Vadim Ghirda/AP

La Russia sostiene che centinaia di mine posizionate nei porti del Mar Nero dagli ucraini si sono staccate dai cavi di ancoraggio a causa della burrasca per finire alla deriva, con rischi enormi per la navigazione in un'importante arteria marittima per il commercio di grano e petrolio.

Ma per la Bulgaria, altro Paese che si affaccia sul Mar Nero, la minaccia non esiste. Il comandante della Marina Kiril Mihailov lo ha confermato in conferenza stampa a Varna, il più grande porto bulgaro del Mar Nero.

"Voglio tranquillizzare su un fatto: non ci sono mine che inizieranno a rotolare sulle spiagge e i turisti non rischiano di inciamparci sopra. È improbabile la presenza di queste armi. Tuttavia siamo di fronte a un conflitto militare in cui sono state usate anche armi come le mine e questo rischio non può essere completamente escluso.”

Il precedente

Il 3 marzo una nave cargo estone della compagnia Vista Shipping Agency AS è affondata intorno alle 10.30 del mattino a 20 miglia da Odessa, dopo un'esplosione a bordo o vicino alla chiglia. L'equipaggio, composto da marinai ucraini e russi, è riuscito a mettersi in salvo e la causa dell'incidente non è stata chiarita. Dall'inizio dell'invasione russa i bulgari hanno intensificato la sorveglianza in mare e dal cielo.

Le armi usate in mare

Gli armamenti utilizzati in mare sono di due tipi: la prima è una piccola mina ad ancora di 20 chili, con un diametro di 53 cm, che può rimanere pericolosa per molto tempo. L'altra è una mina anti-sbarco, del peso di circa tre chili e con un diametro inferiore a 30 cm. È molto improbabile che questa mina vada alla deriva e in caso di tempesta è più probabile che torni sulla riva dove è stata posata.

Se le mine di ancoraggio si staccassero, potrebbero raggiungere le acque turche in venti giorni, trascinate dalla corrente.

Allarme ingiustificato?

All'inizio dell'invasione russa dell'Ucraina, sono stati inviati avvertimenti sulla possibilità di incontrare campi minati nella parte nord-occidentale del Mar Nero. La marina bulgara ha intensificato la sorveglianza, con voli sul Mar Nero e il dispiegamento delle navi.

Secondo Mihailov, non è raro incappare in ordigni rimasti dalle guerre del passato. "Ne emergono ogni anno dal mare", ha aggiunto. Viktor Vyshnov, vicecomandante dell'amministrazione marittima dell'Ucraina, ha replicato alla Russia: "Questa è totale disinformazione ".