This content is not available in your region

Mons. Forte, Putin bestemmia, sacrilego usare il Vangelo

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Il Presidente russo cita un versetto della Bibbia
Il Presidente russo cita un versetto della Bibbia

(ANSA) – CITTÀDELVATICANO, 18 MAR – Citare il Vangelo di
Giovanni, come ha fatto il presidente russo Vladimir Putin, “è
certamente un atto sacrilego”, “non riesce più a trovare
argomenti per giustificare questa follia, una aggressione
ingiustificata e totalmente immorale”, “è un’autentica
bestemmia”. Lo dice monsignor Bruno Forte, teologo e arcivescovo
di Chieti. Putin ha citato il Vangelo di Giovanni (capitolo 15, versetto
13): “Non c‘è amore più grande di dare la propria vita per i
propri amici”. Monsignor Forte commenta: “Certamente è un atto sacrilego,
una strumentalizzazione del Vangelo finalizzata ad una
autogiustificazione. Mostra tutta la debolezza profonda di Putin
che non riesce più a trovare argomenti per giustificare questa
follia di una aggressione ingiustificata totalmente immorale”. Il teologo e arcivescovo italiano sottolinea: “Le vittime
innocenti che stanno morendo per colpa di questa aggressione
certamente non possono essere giustificate con parole
evangeliche che dicono l’opposto, l’amore per gli altri e
l’amore perfino per i nemici”. Per monsignor Forte, Putin
aggiunge “alle gravissime colpe di cui si sta macchiando quella
di una autentica bestemmia: usare Dio per giustificare il male
compiuto tocca il vertice dell’immoralità e perfino della
follia”. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.