This content is not available in your region

Brusaferro (Iss), ancora ritardo in diagnosi endometriosi

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Ne sono affette 3 milioni di donne Italia
Ne sono affette 3 milioni di donne Italia

(ANSA) – UDINE, 18 MAR – “Nonostante questa malattia
invalidante sia molto impattante sulla vita delle persone che ne
soffrono e su chi vive loro accanto, c‘è ancora un ritardo nella
diagnosi”. Lo ha detto il presidente dell’Istituto superiore di
sanità (Iss), Silvio Brusaferro, riferendosi all’endometriosi,
intervenendo in video a un convegno dell’associazione
Endometriosi Fvg, presieduta da Sonia Manente, che ha fatto il
punto della situazione con numerosi esperti. L’endometriosi è una malattia cronica invalidante e colpisce
tra il 10 e il 12% delle donne, con 26mila casi in Fvg e 3
milioni stimati in Italia. Circa il 30% delle donne che ne sono
affette ha problemi a raggiungere una gravidanza in modo
naturale. Per Brusaferro “dalle linee guida europee e dalle più
importanti evidenze scientifiche, emergono le aree in cui è
necessario per il servizio sanitario investire in termini di
ricerca, cura e prevenzione: infertilità, dolore e sofferenza,
gestione delle gravidanze”. Infine per il presidente dell’ Iss
al sistema sanitario “è richiesto un approccio
multidisciplinare, di rete, basato su prevenzione e l’adesione
consapevole delle persone, fattore che anche nella gestione
della pandemia abbiamo visto quanto possa essere decisivo”. Sebbene la patologia sia correlata alla infertilità
femminile, l’endometriosi per Sonia Manente “non è però una
malattia che interessa solo le donne”, e richiede anche una
revisione dei Livelli essenziali di assistenza (Lea). Vanno
dunque “rivisti gli stadi e i metodi della ‘stadiazione’ della
malattia, partendo da quelli già applicati in Austria e
Germania, basati su ecografia e risonanza magnetica, che
permettono diagnosi precoci”. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.