This content is not available in your region

Crisi ucraina: i georgiani temono che la storia possa ripetersi

Access to the comments Commenti
Di Leo Sikharulidze
euronews_icons_loading
Attivisti georgiani durante una manifestazione a sostegno dell'Ucraina, davanti all'ambasciata ucraina a Tbilisi (23/01/2022)
Attivisti georgiani durante una manifestazione a sostegno dell'Ucraina, davanti all'ambasciata ucraina a Tbilisi (23/01/2022)   -   Diritti d'autore  Shakh Aivazov/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved

Quanto sta succedendo in Ucraina fa tornare alla mente dei georgiani quanto accadde nel loro Paese nel 2008. Mosca allora riconobbe l'indipendenza delle regioni separatiste di Abkhazia e Ossezia del Sud. 

Oggi la popolazione georgiana segue con molta attenzione gli sviluppi in terra ucraina. Siamo andati a raccogliere le loro opinioni:

"Se Putin invade l'Ucraina, il suo prossimo obiettivo sarà la Georgia", dice una donna. "Voglio pace e amore ovunque, nient'altro", dichiara un'altra georgiana.

"Sono una sfollata dell'Abkhazia e questa situazione è piuttosto delicata per me", spiega una donna. "Ho la sensazione che Putin non valuti nel modo più adeguato gli eventi. Questa crisi influenzerà il mondo intero".

"La Russia ha fatto la stessa cosa in un passato non molto lontano in Georgia", racconta un ragazzo. "Sono giovane, ma il dolore della vecchia generazione è anche il mio. Il dolore dell'Ucraina è ora il dolore della nazione georgiana".

Durante la guerra russo-georgiana nel 2008 Salome Samadashvili era ambasciatrice della Georgia all'Unione europea. Attuale membro dell'opposizione nel parlamento georgiano, ricorda come tutto è iniziato e crede che i due scenari siano molto simili. "Nel 2008, quando ero a capo della missione della Georgia a Bruxelles, fu estremamente difficile convincere i nostri amici e alleati occidentali, nonostante l'aiuto significativo che senza dubbio fornirono alla Georgia. Fu molto difficile convincerli che Putin non si sarebbe fermato in Georgia e che il prossimo passo sarebbe stata un'aggressione nei confronti dell'Ucraina. Purtroppo, nessuno in Occidente all'epoca poteva immaginare che Putin si sarebbe spinto così lontano, come fece nel 2014".

Per il presidente del parlamento georgiano, Shalva Papuashvili, le sfide di sicurezza che Ucraina e Georgia affrontano sono interconnesse."Gli eventi in Ucraina sono ovviamente collegati alle sfide che la Georgia affronta", spiega ai nostri microfoni. "Ancora una volta, esortiamo la comunità internazionale a essere rapida e chiara quando si tratta di prendere decisioni, poiché la sicurezza dello Stato e del popolo georgiano è strettamente collegata agli eventi ucraini".