Marocco. Ore decisive per il piccolo Rayan: "Non finisca come Alfredino"

Soccorritori al lavoro per tentare di estrarre il piccolo Rayan dal pozzo in cui è caduto martedì, non lontano dalla sua abitazione nel nord del Marocco
Soccorritori al lavoro per tentare di estrarre il piccolo Rayan dal pozzo in cui è caduto martedì, non lontano dalla sua abitazione nel nord del Marocco Diritti d'autore FADEL SENNA/AFP or licensors
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Ore decisive, in Marocco, per il piccolo Rayan. Scavato un tunnel per raggiungere il bambino, intrappolato da martedì a 30 metri di profondità

Occhi e telecamere puntate sul pozzo in cui è caduto il piccolo Rayan. Il Marocco - e ormai anche buona parte del mondo e del web -, seguono con il fiato sospeso le operazioni per tentare di estrarre il piccolo di 5 anni, intrappolato da martedì a 32 metri di profondità.

PUBBLICITÀ

Crolli e rischio di frane hanno rallentato le operazioni

Crolli dalle pareti sabbiose hanno costretto venerdì a sospendere le ricerche e ad evacuare la zona, proprio quando la soluzione sembrava ormai a un passo. Decisiva, la fase attuale dei soccorsi consiste nello scavo di un tunnel orizzontale che dovrebbe permettere di raggiungere il bambino, evitando ulteriori e pericolosi smottamenti del suolo. ''Più ci avviciniamo - raccontava giovedì un soccorritore - più il buco diventa stretto e difficile da attraversare. Abbiamo quindi dovuto cominciare a scavare, ma scavare comporta il grave rischio di frane".

FADEL SENNA/AFP or licensors
La folla accorsa a Ighrane, il villaggio di Rayan, per seguire le operazioni di soccorsoFADEL SENNA/AFP or licensors

Fiato sospeso come per Alfredino e Julen

I genitori di Mayan hanno dato l'allarme nel primo pomeriggio di martedì. Sfuggito alla sorveglianza dei genitori, il piccolo è caduto in un pozzo, non lontano dalla sua abitazione di Ighrane, un villaggio della provincia Chefchauen, a nord del Marocco. La vicenda, che in Italia ricorda quella di Alfredino Rampi, riporta alla memoria anche quella di Julen, un bambino, di due anni, che nel 2019 aveva trovato la morte in Andalusia, dopo esser caduto in un pozzo abbandonato di neanche 30 centimetri di diametro e oltre 100 metri di profondità.

"Siamo tutti con Rayan". La solidarietà sui social di tutto il mondo

Uno dei tanti messaggi di solidarietà al piccolo Rayan

Rimbalzati sui social di mezzo mondo con l'hashtag #Rayan, messaggi di solidarietà alla famiglia sono arrivati anche dal governo marocchino. Decine i media locali ormai sul posto per seguire in diretta tutti gli sviluppi di questa vicenda.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Una settimana dopo il terremoto in Marocco: 50.000 case danneggiate, aiuti e alloggio ai senzatetto

Viaggio a Firenze, alla scoperte delle "cure" per il David di Michelangelo

Da Macron a Steinmeier, i leader europei presenti ai funerali di Giorgio Napolitano