This content is not available in your region

I Balcani e la corsa al riarmo. Serbia e Croazia investono nella difesa e nell'esercito

Access to the comments Commenti
Di Debora Gandini
euronews_icons_loading
Difesa militare
Difesa militare   -   Diritti d'autore  Darko Vojinovic/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved.

I Balcani puntano sulla difesa. A partire dalla Serbia che sta aumentando il proprio arsenale. Quest'anno il Paese spenderà quasi mezzo miliardo di euro in armi e attrezzature militari moderne e sempre più sofisticate. Proprio come il missile anticarro russo Kornet presentato di recente al presidente Aleksandar Vučić

Secondo quanto riferito dal ministro della Difesa Nebojsa Stefanovic l'acquisto di nuove armi continuerà perché è necessario adattare sistemi di difesa innovativi. “Il Paese si sta armando nell’ottica di voler mantenere il suo esercito sempre all’avanguardia. Stiamo guardando quello che fanno gli altri e in questa corsa agli armamenti anche Belgrado ha deciso di investire denaro”, ha sottolineato Stefanovic.

Molti paesi dei Balcani stanno seguendo lo stesso esempio, rinnovando il proprio arsenale, esattamente 30 anni dopo la guerra."L'Ungheria si sta procurando più equipaggiamento militare di tutta l'ex Jugoslavia messa insieme - fa notare Igor Tabak, esperto militare. - Anche Bulgaria e Romania si stanno modernizzando sotto questo punto di vista. Tutti aspetti da tenere bene a mente. Questi paesi intorno alla Serbia si trovano in un contesto diverso- Croazia, Slovenia, Bulgaria, Albania, Macedonia del Nord- alcuni sono membri NATO e altri paesi dell'Unione Europea".

Spese militari in vista anche per il governo di Zagabria che spenderà oltre 1 miliardo di euro in aerei da combattimento e attrezzature varie, così come la Bosnia Erzegovina e il Kosovo.

Secondo Vlade Radulovic, esperto di geostrategie, non è esatto parlare di una vera e propria corsa agli armamenti. Tutti i paesi dell'ex Jugoslavia hanno lo stesso problema, basano il proprio equipaggiamento militare sulla tecnica dell'esercito popolare. Il concetto di guerra è cambiata. Alcune attrezzature non sono aggiornate e quindi ci si vede aggiornare. Prima non c'erano i droni, ora bisogna averli. Stanno cercando di modernizzare la propria difesa.

Secondo l'ultimo sondaggio condotto dal Centro per la politica di sicurezza di Belgrado il 40% dei cittadini ritiene che l’esercito debba sempre essere ben equipaggiato. Per quasi la metà i governi devono puntare sulla difesa e su strumenti militari sempre più innovativi.  

"Tutti i paesi dell'ex Jugoslavia hanno lo stesso problema, basano il proprio equipaggiamento militare su tecniche vecchie. Alcune attrezzature non sono aggiornate Prima non c'erano i droni, ora bisogna averli."
Vlade Radulovic
Esperto di geo-strategie

I precedenti "nazionalisti" di Vučić

La Serbia è stata spesso accusata di "lavorare" con il suo alleato orientale, la Russia, per destabilizzare la vicina Bosnia-Erzegovina, il Montenegro e il Kosovo, ex provincia serba che ha dichiarato l'indipendenza nel 2008.

Il regime serbo, guidato da Slobodan Milošević, con le sue intransigenti politiche nazionalistiche, è accusato di aver innescato la sanguinosa fine della Jugoslavia negli anni '90, che ha innescato la tragica Guerra dei Balcani. Durante questo periodo, Vučić ha scalato i ranghi del Partito Radicale serbo di estrema destra e ha ricoperto la posizione di ministro dell'Informazione durante il governo di Milošević.

Precedenti che non depongono a favore dell'attuale presidente serbo.