Violenze tra bande fuori dalla discoteca, 13 denunciati

Identificati anche 3 minorenni per aggressioni nel Reggiano
Identificati anche 3 minorenni per aggressioni nel Reggiano
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - REGGIO EMILIA, 24 GEN - I carabinieri hanno identificato 13 presunti responsabili - di cui tre minorenni - per le violenze compiute fuori dalla discoteca 'Rockville' di Castellarano, in provincia di Reggio Emilia, la notte del 17 ottobre. Dopo tre mesi di indagini hanno portato alla denuncia all'autorità giudiziaria - Procura di Reggio Emilia e Procura dei Minori di Bologna che coordinano l'inchiesta - all'emissione anche di tre misure di prevenzione dell'avviso orale da parte della Questura di Reggio Emilia e l'avvio degli iter amministrativi per l'emissione di 9 provvedimenti di divieto di accesso alle aree urbane, inibizione all'accesso a pubblici esercizi o locali di intrattenimento. Secondo la ricostruzione dei carabinieri di Baiso, Castellarano e Castelnovo ne' Monti grazie all'audizione di testimoni e alla visione di video diffusi anche sui social, i giovani - tutti residenti in provincia di Reggio Emilia e appartenenti a una "baby gang" - hanno agito a danno di due distinti gruppi di giovani nell'area di parcheggio della sala da ballo. E si sarebbero resi responsabili di una serie di reati tra cui tentate estorsioni, rapine, furti, lesioni personali. Nel corso di quella notte venne esploso in aria anche un colpo di pistola 'scacciacani'. Quattro ragazzi aggrediti subirono lesioni per 75 giorni di prognosi complessivi. Inoltre furono rubati e estorti contanti, una collana in oro e due telefoni cellulari, di cui uno recuperato e restituito al legittimo proprietario. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Attacco a Sydney: identificato l'aggressore, "non era terrorismo"

Guerra a Gaza: in migliaia protestano nella capitali europee, "Stop al genocidio" il grido di Roma

Guerra in Ucraina: rotazione dei battaglioni, premiati alcuni soldati a Kiev