This content is not available in your region

Spagna: vaccino mancante non per scelta? No green pass

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Spagna: vaccino mancante non per scelta? No green pass
Diritti d'autore  Euronews

Laura Joanpera ha avuto una reazione avversa quando ha ricevuto il suo primo vaccino contro il coronavirus: il suo corpo è stato paralizzato per una settimana.

Il medico le ha consigliato di non fare la seconda dose: ora, non può ottenere il green pass perché il sistema non la riconosce come completamente vaccinata.

Nonostante abbia un certificato medico di esenzione, viene spesso rifiutata in luoghi pubblici a Barcellona, dove è obbligatoria una prova di avvenuta inoculazione.

"Entri in un bar - dice - e la prima cosa che dicono è il green pass, ti senti una criminale: non si può nemmeno programmare un viaggio, non è che io non voglia il vaccino, non posso vaccinarmi perché la mia salute è a rischio".

Come lei, decine di spagnoli che non possono vaccinarsi per motivi medici vedono la loro vita sociale limitata a causa di una condizione preesistente che non hanno scelto.

"Coloro che non possono ottenere l'iniezione per motivi medici - dice Jaime Velazquez, giornalista - insistono sul fatto che non sono no-vax e dovrebbero anche essere in grado di ottenere un green pass che consenta loro di continuare con la loro vita normale".

Un diretto interessato, avvocato di professione, ha avviato una sfida legale, finalizzata alla decisione del governo catalano di richiedere il green pass per entrare in luoghi chiusi come bar, ristoranti, palestre e case di cura.

Manu Fernandez/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved.
AP PhotoManu Fernandez/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved.

"Quello che affermiamo - dice DAVID FIGUERAS, AVVOCATO - è che queste persone subiscono discriminazioni in base alle loro condizioni mediche.

Finché col certificato verde non si riconosce l'esistenza di questo gruppo e il loro diritto a godere di una vita normale, questo ordine è illegale, è semplice ed è già stato fatto in Paesi come la Danimarca , così come creare un'esenzione.

È semplice come affermare che questa persona ha una condizione che la rende non idonea al vaccino".

Gli esperti insistono che i vaccini sono sicuri e la maggior parte delle reazioni avverse non sono gravi, unitamente al fatto che, nonostante solo un piccolo gruppo abbia questi problemi, dovrebbe essere proposta una soluzione alternativa.

"Se a tutta la popolazione verrà chiesto il green pass - dice SILVIA DE SANJOSÉ, EPIDEMIOLOGA - dovrebbe esserci all'interno del certificato la dichiarazione che una determinata persona è esentata dalla vaccinazione per motivi medici".

Le autorità sanitarie ammettono che al momento non è possibile autorizzare per loro il green pass.

Le persone colpite chiedono alla Commissione europea di stabilire un insieme comune di regole e una procedura chiara per tutti gli Stati membri, al fine di garantire che tutti gli europei godano dei medesimi diritti, indipendentemente dalle condizioni mediche.