This content is not available in your region

Cambiamento climatico: il veto della Russia alla risoluzione Onu

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Cambiamento climatico e inquinamento
Cambiamento climatico e inquinamento   -   Diritti d'autore  AP Photo

La Russia non ci sta e mette il veto.
Naufraga la risoluzione del Consiglio di Sicurezza dell'ONU, promossa da Niger e Irlanda, la prima del suo genere, che definisce il cambiamento climatico una minaccia alla pace e alla sicurezza internazionale.

Circa 113 dei 193 paesi membri delle Nazioni Unite hanno sostenuto la proposta, compresi 12 dei 15 membri del consiglio. Ma l'India e la Russia, che esercita il veto, hanno votato no, mentre la Cina si è astenuta.

"Posizionare il cambiamento climatico tra le minacce alla sicurezza internazionale distoglie l'attenzione del consiglio dalle ragioni veramente radicate dei conflitti nei paesi all'ordine del giorno del consiglio - dice l'ambasciatore russo Vassily Nebenzia - Questo è conveniente per quei Paesi che stanno attivamente contribuendo a far nascere questi conflitti o che hanno intrapreso attività militari in contrasto con il mandato del Consiglio di Sicurezza, o semplicemente non vogliono fornire l'aiuto necessario ai Paesi in via di sviluppo."

Linda Thomas-Greenfield, rappresentante degli Stati Uniti alle Nazioni Unite, è di parere opposto: "La crisi climatica è una crisi di sicurezza - una delle più pressanti del nostro tempo. È una minaccia per ogni persona in ogni nazione di ogni continente".

Gli inviati di Russia e India hanno detto che la questione dovrebbe rimanere nei gruppi delle Nazioni Unite come la Convenzione quadro sul cambiamento climatico.
Aggiungere il cambiamento climatico all'agenda del Consiglio di Sicurezza non farebbe che approfondire le divisioni globali che sono state evidenziate dai colloqui sul clima del mese scorso a Glasgow.