EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Russia, 18enne si fa esplodere in una scuola vicino a un convento ortodosso

Screengrab
Screengrab Diritti d'autore from AFP video
Diritti d'autore from AFP video
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'attentatore, ex allievo dell'istituto, non sarebbe stato ucciso nell'esplosione ed avrebbe causato il ferimento di altre sei persone

PUBBLICITÀ

Un 18enne è entrato nei locali della scuola vicino al convento ortodosso di Vvedenskiy Vladychniy e si è fatto esplodere.

Nell'attacco, avvenuto nella città di Serpukhov, circa 100 kma sud di Mosca, sette persone sarebbero rimaste ferite: tra queste un ragazzo di 15 anni, sebbene il bilancio sia ancora incerto e provvisorio.

from AFP video
Screengrabfrom AFP video

L'attentatore, ex allievo dell'istituto, non sarebbe rimasto ucciso nell'esplosione: la Russia ha visto un aumento degli attacchi da parte di adolescenti alle scuole negli ultimi anni.

A settembre, uno studente ha ucciso sei persone e ne ha ferite decine in un campus universitario nella città di Perm, negli Urali.

A maggio, un diciannovenne ha aperto il fuoco nella sua vecchia scuola nella città di Kazan, uccidendo nove persone.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Tradizione rispettata per il 19 gennaio: immersione "ghiacciata" per l'Epifania ortodossa russa

Russia, gruppo di temerari si tuffa a 60 gradi sotto zero

Russia: attacchi armati in Daghestan, almeno 17 morti morti, sei gli attentatori eliminati