This content is not available in your region

PNRR: cominciano ad arrivare i fondi. I Paesi Bassi vittime della loro intransigenza

Access to the comments Commenti
Di Euronews
PNRR: cominciano ad arrivare i fondi. I Paesi Bassi vittime della loro intransigenza
Diritti d'autore  ALEX MITAS/EC - Audiovisual Service

La Spagna sarà il primo Paese dell'Unione Europea a beneficiare degli aiuti del Recovery Fund varato per contrastare le conseguenze economiche della pandemia.

Venerdì la Commissione Europea ha dato il via libera al pagamento dei 10 miliardi di euro, dopo aver esaminato il piano di misure inviato dal governo spagnolo:

"Abbiamo raggiunto un traguardo nell'applicazione del piano NextGenerationEU. La Spagna è il primo Paese a ricevere un pagamento", ha esultato Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea.

"Mi congratulo con la Spagna per aver raggiunto con successo i primi 52 traguardi e obiettivi stabiliti nel suo piano di risanamento", ha aggiunto il vicepresidente della CE Valdis Drombrovskis.

Questi 52 elementi includono una serie di misure e riforme che Madrid ha adottato per ricevere i fondi. Riguardano principalmente la fiscalità, la legislazione sul lavoro, la decarbonizzazione dell'economia e la digitalizzazione della pubblica amministrazione.

La Spagna è destinata a essere il secondo beneficiario del fondo di rilancio dell'UE dopo l'Italia. In totale, si prevede che Madrid riceverà 70 miliardi di euro dal piano di rilancio sugli aiuti diretti.

Ma per ricevere la prossima tranche, sono previste ulteriori riforme, comprese le riforme del sistema pensionistico e fiscale. E non sarà facile.

I Paesi Bassi sono l'unico Stato membro che finora non ha presentato un piano di ripresa e resilienza.

Per ricevere i quasi 6 miliardi di euro a cui aspira, Amsterdam deve presentare il suo piano di riforma economica come hanno fatto gli altri 26 paesi dell'UE.

Questa condizione è stata richiesta molto precisamente dai Paesi Bassi durante le trattative per l'approvazione del piano Next Generation: l'obiettivo era quello di costringere i paesi del Sud Europa a intraprendere riforme strutturali. Ora gli olandesi potrebbero essere caduti nella loro stessa trappola poiché la Commissione Europea chiede una serie di riforme fiscali che includano la rimozione di una serie di esenzioni sui mutui e sul lavoro autonomo.

Continuano i negoziati per valutare i piani per quattro paesi

Per quattro Paesi proseguono le trattative per la valutazione dei piani nazionali di rilancio: Ungheria, Polonia, Svezia e Bulgaria.

Nel caso della Bulgaria, il cambio di governo è stato una delle cause dei ritardi: il governo dell'ex primo ministro Boyko Borissov ha iniziato più tardi a lavorare al piano. Ma è stato presentato solo dal governo provvisorio il 15 ottobre, a quanto pare a causa delle difficoltà nel concordare le date per l'eliminazione graduale del carbone.

I legislatori bulgari si sono riuniti per la loro prima sessione del parlamento da quando un partito anti-trapianto di recente formazione è emerso come il vincitore a sorpresa delle elezioni. Ma il nuovo governo che dovrebbe negoziare non è ancora al suo posto.

Nei casi di Polonia e Ungheria sono ufficialmente in corso trattative "per rispondere ai criteri" e il "dialogo è costante", secondo la Ce. Molti sospettano però che i problemi legati al rispetto dello stato di diritto siano la causa dei ritardi.

L'approvazione deve arrivare dalla Commissione europea, ma l'esecutivo comunitario è sotto la pressione dal Parlamento europeo. Tutti i gruppi politici, ad eccezione del gruppo dei conservatori e riformisti europei (ECR) e del gruppo ID, chiedono di astenersi dall'approvare il piano di ripresa polacco.

"Un governo che nega il primato del diritto dell'UE e viola i principi dello Stato di diritto non può essere ritenuto affidabile nell'adempiere agli impegni e agli obblighi previsti dai nostri strumenti giuridici, inclusi i criteri pertinenti per la valutazione dei piani nazionali di risanamento e resilienza" , hanno scritto gli eurodeputati in una lettera indirizzata al presidente della CE Ursula Von der Leyen.

Nel frattempo, la più alta corte dell'UE ha imposto una multa giornaliera di 1 milione di euro a Varsavia per non aver attuato i suoi ordini estivi di abolire la Camera disciplinare che minaccia l'indipendenza della magistratura.

L'Ungheria ha chiesto 7,2 miliardi di euro di sovvenzioni nell'ambito del fondo di ripresa dell'UE e il dialogo continua in cerca di approvazione. In questo caso, la Commissione Europea chiede maggiori sforzi per combattere la corruzione e vorrebbe un sistema di monitoraggio contro "conflitti di interesse, corruzione e frode e per evitare doppi finanziamenti". C'è anche pressione sul governo ungherese per la legislazione recentemente approvata che è vista come discriminatoria nei confronti delle minoranze sessuali.

Approvato dal Consiglio europeo il 21 luglio 2020, il fondo complessivo di Next Generation vale 750 miliardi di euro e opererà dal 2021 al 2023.

Era impostato per aiutare gli Stati membri dell'UE a riprendersi dalla crisi economica dovuta alla pandemia. Ed è stata una pietra miliare per l'UE poiché per la prima volta è stato creato un debito comune.

In Italia come da Decreto n.80/2021, sono attivi sul portale inPA i bandi per il conferimento di 1.000 incarichi di collaborazione a professionisti ed esperti, a supporto delle Amministrazioni territoriali, per l’attuazione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR). In particolare sono richiesti: ingegneri, architetti, biologi, chimici, fisici, esperti giuridici, informatici e gestionali, statistici, agronomi, geologi e geometri. Le Regioni hanno già inviato i fabbisogni al Dipartimento della Funzione pubblica, che provvederà ora a fornire loro l’elenco di ssperti, selezionati in base al curriculum e alla zona di attività.

Circa il Pnrr, l’Italia ha completato 35 obiettivi chiave su 51 ma per una ripresa solida gli investimenti pubblici e comunitari non bastano: servono anche investimenti privati.