This content is not available in your region

Ambiente, progetto Soundscape: la voce del mare spenta dal rombo dei motori

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Inquinamento acustico in mare
Inquinamento acustico in mare   -   Diritti d'autore  EV - Euronews

Mai così aggressive le sirene di Ulisse, che sono il canto del mare: una distesa mai silenziosa, ma che con l'aumento del traffico marittimo produce un livello di inquinamento acustico che - a suon di decibel - minaccia una biodiversità fragile.

Con 1 milione e 800mila euro di co-finanziamento dell'Unione europea, e la partnership di Italia e Croazia (capofila l'Istituto di Oceanografia), il progetto Soundscape indaga l'impatto del rumore subacqueo sul fragile ecosistema marino.

"L'Adriatico settentrionale è particolarmente gravato dal rumore sottomarino prodotto dal trasporto - passeggeri e merci", dice Vlado Dadic, responsabile del progetto per la Croazia.

Raccontare la minaccia all'ecosistema marino con la musica

Il progetto ha scelto la musica per comunicare, mixata al rumore dei motori che si mescolano a loro volta alle voci dell'universo sottomarino.

"Il suono è più a bassa frequenza, come filtrato. Ma quando si registra con un microfono speciale sott'acqua ci si rende conto che il paesaggio sonoro è molto ricco", spiega Fabio Mina, musicista coinvolto nel progetto.

Nella cornice di una partitura, i ricercatori raccontano dunque attraverso le note, e i rumori, il mare che parla. Tutto ciò che si muove e romba: tolti gli esseri viventi, 110 milioni di tonnellate lorde di carico trasportate annualmente nei porti dell'Adriatico settentrionale.