This content is not available in your region

Crisi ai confini. Rischio di conflitto fra Ucraina e Russia?

Access to the comments Commenti
Di Euronews
Images
Images   -   Diritti d'autore  Ap

Le tensioni sono aumentate di nuovo lungo il confine russo-ucraino, con Kiev e Washington che hanno lanciato l'allarme per quello che dicono sia un insolito accumulo di truppe russe alle frontiere.

Il ministero della Difesa ucraino ha affermato all'inizio di questo mese che circa 90.000 soldati russi erano vicino al confine e nelle aree controllate dai ribelli nell'est dell'Ucraina.

Secondo il ministero, unità del 41° contingente russo sono rimaste a Yelnya, una città a 260 chilometri a nord del confine ucraino.

“Quello che vediamo è un significativo accumulo militare russo. Vediamo un'insolita concentrazione di truppe. E sappiamo che la Russia è abituata a utilizzare questo tipo di capacità militari prima di condurre azioni aggressive contro l'Ucraina", ha affermato la scorsa settimana il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg.

I commenti sono arrivati ​​dopo che gli Stati Uniti hanno avvertito l'Unione Europea del fatto che Mosca potrebbe pianificare un'invasione del suo vicino.

I funzionari russi hanno negato di star pianificando incursioni in Ucraina, citando quelle che hanno definito minacce dell'Ucraina e presunte azioni provocatorie delle navi da guerra statunitensi nel Mar Nero.

La Russia ha sostenuto un'insurrezione separatista nell'Ucraina orientale scoppiata poco dopo l'annessione della penisola di Crimea da parte di Mosca nel 2014. Il conflitto ha causato la morte di oltre 14.000 persone.

Nella primavera di quest'anno, un massiccio raduno di truppe russe vicino al confine ha sollevato preoccupazioni in Ucraina e in Occidente, alimentando i timori di un'escalation delle ostilità.

La tensione al confine tra Ucraina e Russia potrebbe degenerare in un nuovo conflitto?

L'UE è molto preoccupata per l'attività militare russa vicino al confine con l'Ucraina

L'Ucraina orientale sta ripiombando in una guerra in piena regola?

Le truppe alla fine sono state ritirate dopo poche settimane quando il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha tenuto un vertice con il suo omologo russo Vladimir Putin.

Euronews ha parlato con esperti militari e di politica estera per far luce sui movimenti di truppe russe e sulle loro implicazioni per l'Ucraina e i suoi alleati occidentali.

Cosa sappiamo dell'aumento delle truppe russe?

"Alcune delle importanti implementazioni in realtà le conosciamo solo dalle immagini satellitari. Ovviamente questo non è il modo più accurato di conoscere le cose", ha affermato Gustav Gressel, senior policy fellow presso il Consiglio europeo per le relazioni estere (ECFR).

"Spesso sono solo immagini radar. Quindi sai che ci sono una sorta di formazioni militari lì perché i veicoli che operano sono pieni di ferro, quindi non sono il tipico tipo di autocarro di riflessione. Ma non sai se questo è effettivamente un cannone semovente o un carro armato, un carro armato principale o un altro veicolo corazzato da combattimento", ha detto l'esperto a Euronews.

"Quando si tratta della situazione in Ucraina, le forze militari russe intorno all'Ucraina sono piuttosto consistenti, anche senza che la Russia eserciti alcun operazione speciale", ha detto Gressel a Euronews.

"Tuttavia, detto questo, abbiamo ancora molto movimento e dispiegamento di forze ingenti della 41a Armata combinata (CAA) che è stata dispiegata nel distretto militare occidentale nella primavera di quest'anno. Un territorio intorno a Yelnya nella regione di Smolensk.

"Sappiamo che sul campo di addestramento di Pogonovo sono stati compiuti molti esercizi e abbiamo individuato alcuni elementi di diverse formazioni dell'esercito di carri armati della prima guardia", ha continuato l'esperto russo.

"Vediamo che alcuni elementi delle unità della 58a armata, che ha sede nel Caucaso settentrionale, sono stati trasferiti in Crimea e vediamo un afflusso di equipaggiamenti e persone in Crimea".

"Vediamo anche molto traffico dell'aviazione militare a Rostov sul Don, non aerei da attacco, ma aerei da trasporto che entrano e escono.

"Sappiamo che la Russia ha mobilitato alcune parti della Guardia nazionale, sia locale che di altre parti, e le ha inviate a Rostov sul Don". L'esperto ha descritto Rostov-sul-Don come "hub centrale".

"Tutto quello che arriva lì finisce per essere infiltrato nel Donbas", ha detto.

Gressel ha scritto in un recente articolo che la mobilitazione delle unità della Guardia Nazionale è un segnale che il Cremlino sta almeno valutando delle incursioni in Ucraina.

AP Photo
Paracadutisti russi salgoo su di un aereo per esercitazioni durante le manovre a Taganrog, in Russia, giovedì 22 aprile 2021sAP Photo

"Oltre all'intelligence operativa che mostra sostanzialmente il movimento delle truppe, c'è quella che chiamiamo intelligence strategica", ha affermato Andriy Zagorodnyuk, presidente del Center for Defense Strategies, un think-tank ed ex ministro della difesa ucraino (2019-2020).

Ha indicato l'intelligence strategica recentemente condivisa dagli Stati Uniti secondo cui la Russia si sta preparando per un'operazione di invasione.

Gli avvertimenti di Washington, ha detto Zagorodnyuk, sono arrivati ​​più o meno nello stesso periodo di una rara visita del direttore della CIA William J. Burns a Mosca due settimane fa.

"Ciò significa che hanno ricevuto informazioni sulle decisioni prese a livello strategico a Mosca, in pratica il ministro della Difesa di Mosca o la Presidenza, e che le informazioni sono state trasmesse dagli Stati Uniti a tutti i principali alleati partner, in pratica i paesi della NATO", il ha detto a Euronews l'ex ministro.

Ma Katharine Quinn-Judge, un'analista specializzata in Ucraina presso l'International Crisis Group, ha dichiarato a Euronews di aver preso "con le pinze i commenti di funzionari di tutte le parti sull'entità di quel contingente militare".

"In primavera, i funzionari ucraini ed europei hanno diffuso alcune cifre leggermente fuorvianti sul numero di truppe russe vicino ai confini dell'Ucraina, cifre che includevano truppe vicino alla linea del fronte nel Donbas. Quest'ultimo è infatti il confine di fatto dell'Ucraina e all'interno del suo confine riconosciuto. Ma sono *sempre* lì, quindi è fuorviante includerli nel numero di truppe che la Russia avrebbe presumibilmente accumulato nelle ultime settimane", ha detto a Euronews.

"Sapere questo mi rende più scettica nei confronti dei commenti che vedo oggi dai funzionari ucraini ed europei - non che trovi affidabili nemmeno le dichiarazioni russe", ha aggiunto Quinn-Judge.

L'ultimo movimento di truppe è diverso dalla scorsa primavera?

Gli esperti intervistati da Euronews hanno affermato che l'ultimo distaccamento militare è stato diverso per molti versi da quanto accaduto la scorsa primavera.

Una differenza, ha detto Zagorodnyuk a Euronews, è che la Russia ha collegato gli sviluppi della scorsa primavera con le esercitazioni militari, "onestamente le esercitazioni sono iniziate molto più tardi, ma almeno ci hanno dato una sorta di spiegazione".

Inoltre, ha aggiunto, "non avevamo quel tipo di intelligenza strategica sui preparativi russi di un'invasione pianificata. Ora ce l'abbiamo. Quindi questa è la differenza, ed è per questo che tutti sono preoccupati", ha osservato l'ex funzionario.

"Rispetto alla situazione di marzo e aprile 2021, quando ha spostato per l'ultima volta le truppe vicino al confine ucraino, la Russia sembra fare molto meno sforzo per garantire che l'attuale assemblea sia visibile. Ciò potrebbe suggerire un'intenzione significativamente più seria di una semplice desidera apparire minaccioso", ha osservato Gressel nel suo articolo.

Un'altra differenza, ha detto a Euronews, è che "questa volta i movimenti del 41° riguardano la Nato piuttosto che l'Ucraina".

"Se guardiamo la zona, Smolensk Oblast non è il modo più vicino per mettere questo esercito in Ucraina. In primavera, quando il segnale riguardava solo l'Ucraina, la 41a armata è stata schierata più a est e più a sud".

L'esperto ha osservato che l'unità militare era attualmente più vicina al confine della Bielorussia che a quella dell'Ucraina e la collegava alla crisi di confine in corso che opponeva i paesi dell'UE Polonia e Lituania a Minsk.

Secondo l'esperto, la sua presenza ha come quello di praticare un "attacco alla Polonia".

"Se la Russia iniziasse una guerra con la NATO a ovest, il compito del 41° CAA sarebbe quello di guidare l'avanzata dalla Bielorussia verso Suwalki. Questa è l'area di confine Polonia-Lituania che separa la Bielorussia dall'enclave russa di Kaliningrad. Il 41° CAA probabilmente avanzerebbe in collaborazione con l'11° Corpo d'Armata a Kaliningrad; il suo scopo sarebbe quello di schiacciare le difese polacche e lituane", ha spiegato l'esperto nel suo articolo.

Mikhail Metzel, Sputnik
Il presidente russo Vladimir Putin, durante un incontro presso la residenza Novo-Ogaryovo fuori MoscaMikhail Metzel, Sputnik

Cosa sta cercando di ottenere la Russia?

Gressel ha detto a Euronews che i movimenti delle truppe russe hanno coinciso con "una certa retorica" ​​di Mosca, comprese le "accuse contro l'Ucraina che abbandona il Trattato di Minsk" e "richieste molto specifiche su quale legislazione l'Ucraina dovrebbe cambiare, quali leggi dovrebbe adottare, quali leggi abbandonare, come dovrebbe riconoscere le repubbliche fantoccio nel Donbas, ecc."

"Tutto questo sta dando un'immagine che la Russia vuole davvero qualcosa e sta sostenendo queste richieste con la forza militare", ha detto a Euronews.

Mosca, ha detto Gressel, vuole che l'accordo di Minsk venga attuato alle sue condizioni.

L'accordo del 2015, mediato da Francia e Germania per aiutare a risolvere il conflitto nell'Ucraina orientale, stabiliva che l'Ucraina avrebbe riacquistato il pieno controllo del suo confine con la Russia nei territori in mano ai ribelli solo dopo l'elezione dei leader e delle legislature locali.

Kiev ha recentemente presentato piani per l'adozione di una legge sull'amministrazione transitoria, promettendo di passare a nuove autorità dopo le elezioni secondo la legge ucraina.

"Mosca non ama i contenuti del progetto di legge perché esso non le consente effettivamente di mantenere le repubbliche che ha istituito nell'Ucraina orientale", ha scritto Gressel.

Giovedì, il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha fatto trapelare la corrispondenza con i suoi omologhi francese e tedesco sui negoziati noti come "formato Normandia". Il gruppo è stato organizzato da Francia, Germania, Russia e Ucraina per risolvere il conflitto.

Secondo la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova, la pubblicazione delle lettere mirava a smentire le affermazioni occidentali secondo cui Mosca aveva rifiutato di collaborare per un incontro del formato Normandy.

"La perdita di tali cavi è una grave violazione della fiducia e del protocollo. Indica che il Cremlino ha rinunciato alla Normandia/Minsk e non negozierà ulteriormente. D'altra parte, spiega le richieste che Mosca ha portato avanti con molta forza negli ultimi tempi", ha detto Gressel a Euronews.

Zagorodnyuk ha affermato che c'è stata "un'accelerazione della propaganda contro l'Ucraina" sulla TV russa, i russi "si rappresentano come oggetto dell'aggressione ucraina, il che ovviamente non è il caso".

"Fondamentalmente stanno preparando le persone al fatto che la Russia ha bisogno di difendersi", ha detto Zagorodnyuk.

Giovedì, Putin ha accusato l'Occidente di "inasprire il conflitto in Ucraina"

"(I nostri) partner occidentali stanno intensificando la situazione fornendo a Kiev armi moderne letali e conducendo manovre militari provocatorie nel Mar Nero", ha detto Putin in un discorso al ministero degli Esteri. Ha affermato che i bombardieri occidentali stanno volando "a 20 km dal nostro confine".

Alla domanda se la Russia avesse pianificato di invadere l'Ucraina, il vice ambasciatore russo alle Nazioni Unite, Dmitry Polyansky, ha risposto la scorsa settimana che "non ha mai pianificato, mai fatto e non lo farà mai a meno che non siamo provocati dall'Ucraina o da qualcun altro" .

Putin ha anche intensificato il una certa propaganda culturale negli ultimi mesi. Un lungo saggio pubblicato dal Cremlino a luglio afferma che ucraini e russi sono "un solo popolo" e che la "vera sovranità dell'Ucraina è possibile solo in collaborazione con la Russia".

"Il fatto che si stiano preparando [per un'invasione] non significa che la inizieranno", ha detto Zagorodnyuk.

"Prendere una decisione preparatoria è un'attività militare strategica. Ma avviare un'operazione di tale portata è una decisione politica. E deve essere una decisione molto, molto ben calcolata perché i rischi per la Russia sono enormi", ha detto l'ex ministro ucraino a Euronews .

Con Mosca ben consapevole dei rischi, l'obiettivo potrebbe essere quello di aumentare la posta in gioco nei negoziati, ha detto, "dimostrando di avere abbastanza potere per destabilizzare la situazione".

Zagorodnyuk ha affermato che il vertice di Ginevra con il presidente Biden, "che fondamentalmente è stato descritto come un incontro di due superpotenze insieme", è stato un esempio di come i russi abbiano usato il precedente accumulo militare "per ottenere il loro posto al tavolo e in un livello che ritengono appropriato per loro".

Secondo Gressel, una vera e propria escalation non è il risultato più probabile dei recenti movimenti delle truppe.

"Quindi un'escalation limitata per destabilizzare l'Ucraina piuttosto che per conquistare, sembra molto probabile. Segnerebbe a Kiev 'non puoi nasconderti dietro il tuo esercito, non puoi nasconderti dietro la Francia e la Germania, o fai come diciamo o avere la guerra'", ha detto Gressel a Euronews.

Quali sono le opzioni per rispondere all'Ucraina e ai suoi alleati della NATO?

"Quello che l'Occidente può fare e sta già facendo è inviare segnali politici alla Russia, dicendo che non lo tollereranno, che stanno monitorando la situazione molto da vicino e sono pronti ad aiutare a difendere l'Ucraina", ha detto Zagorodnyuk.

"Abbiamo bisogno di una forte reazione occidentale" per prevenire un'escalation, ha detto Gressel a Euronews.

Parte di questa risposta potrebbe essere sul fronte militare, ha detto Gressel, "in sostanza segnalando ai russi: 'guarda, potresti intensificare ma potrebbero esserci conseguenze a questo. E se attacchi l'Ucraina orientale sempre più in profondità, potremmo inviare paracadutisti. Noi può metterli in prontezza".

Gli Stati Uniti hanno già inviato navi nel Mar Nero come parte dell'attività della NATO a fianco dell'Ucraina. Nelle ultime settimane, Washington ha consegnato equipaggiamento militare nell'ambito di un pacchetto da 60 milioni di dollari (53 milioni di euro) annunciato a settembre.

Sia Zagorodnyuk che Gressel hanno inoltre fatto riferimento a resoconti dei media non confermati secondo cui il Regno Unito era presumibilmente pronto a inviare forze speciali in Ucraina.

"Nell'ultimo round di escalation, l'americano ha schierato un aereo nucleare in Polonia per dimostrare che la NATO non è completamente senza spina dorsale e in realtà abbiamo mezzi molto vicini", ha detto l'esperto a Euronews.

"Anche questo è stato un segnale molto potente, poiché i russi lo hanno letto immediatamente e hanno reagito", ha detto.

Un vertice con Putin, simile al suo incontro di Ginevra con Biden all'inizio di quest'anno, potrebbe essere un'altra opzione per dare al leader russo "un'uscita salva-faccia", secondo Gressel.

"Un avvertimento ai governi occidentali, inclusi gli Stati Uniti, sfortunatamente, è che quando incontrano i russi, si mettono sotto enorme pressione per avere un risultato. Un tale vertice serve solo come mezzo per esaltare l'ego di Putin e dargli un'uscita salva-faccia che può vendere al pubblico russo e ai suoi stessi amici. Raccontare che non è stato sconfitto - anche se in effetti, ovviamente, lo è stato - e che riuscirà ad ottnere risultati", ha commentato l'esperto.

Qual è la situazione sul terreno?

Quinn-Judge si trovava proprio a Luhansk Oblast, nella parte più orientale dell'Ucraina, quando ha parlato con Euronews: "Non c'era un senso di minaccia incombente - le cose erano molto sommesse,

"Una delle persone con cui ho parlato vive sul lato ovest della città di Donetsk, che è vicino a una delle parti più vicine alla linea del fronte. Ha detto che l'accordo di cessate-il-fuoco del luglio 2020 ha portato sollievo, ma negli ultimi mesi "loro" ( prorussi) hanno sparato tutto il tempo'”.

"Per riassumere, le persone con cui ho parlato erano più preoccupate della quotidianità, della povertà, dell'isolamento e della guerra strisciante che del rischio di invasione", ha detto Quinn-Judge.