This content is not available in your region

Aeronautica: 60 anni fa eccidio di Kindu, il ricordo a Pisa

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Cerimonia nell'aeroporto militare, deposta corona alloro e messa
Cerimonia nell'aeroporto militare, deposta corona alloro e messa

(ANSA) – PISA, 11 NOV – Commemorato oggi a Pisa il 60/o
anniversario dell’eccidio di Kindu, in Congo. L’agguato fu
compiuto da militari insorti e il massacro. Era la prima
missione dell’Aeronautica militare italiana per conto delle
Nazioni Unite fu macchiata dal sangue. L’11 novembre 1961 due
velivoli della 46/ma Aerobrigata, ‘Lyra 5′ e ‘Lupo 33′,
impegnati in attività di supporto alle forze Onu, raggiunsero
l’aeroporto di Kindu, in Congo, con il compito di rifornire i
caschi blu malesi. Ma fuori dall’aeroporto, 13 aviatori italiani
furono assaliti da truppe ribelli dell’Armata Nazionale
Congolese. I corpi furono recuperati solo mesi dopo, dopo che un
poliziotto li aveva sepolti in due fosse comuni. L’11 marzo 1962
le salme furono riportate a casa e poi tumulate a Pisa nel
Sacrario costruito grazie alle donazioni degli italiani.
L’eccidio è stato commemorato oggi dalla 46/ma Brigata Aerea di
Pisa all’interno dell’aeroporto militare, con la deposizione di
una corona di alloro al Sacrario di Kindu e la messa celebrata
dall’Ordinario Militare, l’arcivescovo Santo Marcianò, alla
presenza del Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare,
il generale Luca Goretti. Un C-119, lo stesso velivolo
utilizzato per quella missione di pace, posto come “Gate
Guardian” di fronte al Sacrario di Kindu, è stato restaurato e
riportato alla colorazione e alle insegne originali delle
operazioni Onu in Congo. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.