EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Navi umanitarie salvano 800 naufraghi davanti alla Libia

Navi umanitarie salvano 800 naufraghi davanti alla Libia
Diritti d'autore AP Photo/Valeria Mongelli/Arquivo
Diritti d'autore AP Photo/Valeria Mongelli/Arquivo
Di euronews Agenzie:  ansa
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

A Isola Capo Rizzuto, in Calabria, sbarco difficile per 75 migranti

PUBBLICITÀ

Le navi delle ong tedesche Sea Eye e Mission Lifeline hanno soccorso 400 persone in acque sar maltesi. I naufraghi sono ora sulla Sea Eye 4 che trasportava già altre 400 persone salvate nei giorni scorsi, intercettate mentre erano alla deriva su una imbarcazione in legno con una falla nello scafo. Le Ong accusano le autoritâ maltesi di aver ignorato le richieste di soccorso.

La nave sta procedendo verso Lampedusa. "È una vergogna che Malta abbia ignorato le chiamate di aiuto", affermano le ong che riferiscono di essere intervenuti in aiuto ad una barca di legno con una falla nello scafo dalla quale entrava acqua.

Sbarchi difficili anche in Calabria

In salvo grazie al coraggio di un gruppo di persone che non hanno esitato ad entrare in mare per soccorrere nella notte 75 migranti, tra cui quattro bambini, bloccati a bordo di una barca a vela incagliata nel mare di fronte alla località Le Cannella nel comune di Isola Capo Rizzuto.

E' accaduto nella notte quando gli uomini di Polizia di Stato, Guardia Costiera e Croce Rossa di Crotone sono stati allertati per la presenza di un veliero arrivato, sfuggendo ai controlli, sulla costa crotonese e, dopo essersi arenato, era in balia delle onde del mare forza 4. Nella zona, infatti, da qualche ora spirava un vento molto forte fino a 20 nodi che ha reso difficoltoso il soccorso. Il moto ondoso ha fatto inclinare la barca con il suo carico di esseri umani.

Un ponte umano

Non essendo possibile un salvataggio via mare, con l'ausilio di un canotto, è stato creato un ponte tra la barca e la spiaggia con gli uomini di Croce Rossa, Polizia e Guardia costiera che sono entrati in acqua per poter mettere le persone in salvo. Sono state recuperate tutte le 75 persone a bordo, condotte direttamente al Cara di Isola Capo Rizzuto dove sono state rifocillate ed è stato verificato il loro stato di salute. Ieri mattina c'era stato un altro sbarco con 161 persone arrivate fino alla spiaggia a bordo di un peschereccio anche in quel caso non intercettato.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il vertice di Parigi schiude maggiori speranze per una Libia da pacificare

Latina, indagato datore di lavoro per morte bracciante: aveva abbandonato Satnam con braccio mozzato

Berlusconi e l'Europa: un anno dalla scomparsa di un leader che ha spiazzato l'Ue