This content is not available in your region

Cop26: Papa, non c'è più tempo, agire con urgenza e coraggio

Access to the comments Commenti
Di ANSA
'Ferite per Covid e clima come quelle di una guerra mondiale"
'Ferite per Covid e clima come quelle di una guerra mondiale"

(ANSA) – CITTADELVATICANO, 02 NOV – “Purtroppo dobbiamo
constatare amaramente come siamo lontani dal raggiungere gli
obiettivi desiderati per contrastare il cambiamento climatico.
Va detto con onestà: non ce lo possiamo permettere!”. Lo dice il
Papa in un Messaggio alla Cop26 che è stato letto alla
Conferenza di Glasgow dal cardinale Segretario di Stato Pietro
Parolin. “Non c‘è più tempo per aspettare; sono troppi, ormai, i
volti umani sofferenti di questa crisi climatica”, “bisogna
agire con urgenza, coraggio e responsabilità. Agire anche per
preparare un futuro nel quale l’umanità sia in grado di
prendersi cura di sé stessa e della natura”, sono le parole del
Papa. Per Francesco “le ferite portate all’umanità dalla pandemia
da Covid-19 e dal fenomeno del cambiamento climatico sono
paragonabili a quelle derivanti da un conflitto globale. Così
come all’indomani della seconda guerra mondiale, è necessario
che oggi l’intera comunità internazionale metta come priorità
l’attuazione di azioni collegiali, solidali e lungimiranti”. Il Pontefice ha chiesto di ripagare ai Paesi più vulnerabili
il “debito ecologico” e ha sottolineato che “sono troppi, ormai,
i volti umani sofferenti di questa crisi climatica: oltre ai
suoi sempre più frequenti e intensi impatti sulla vita
quotidiana di numerose persone, soprattutto delle popolazioni
più vulnerabili, ci si rende conto che essa è diventata anche
una crisi dei diritti dei bambini e che, nel breve futuro, i
migranti ambientali saranno più numerosi dei profughi dei
conflitti”. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.