EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Mons. Gintaras Linas Grusas nuovo presidente vescovi Europa

L'arcivescovo di Vilnius succede al card. Bagnasco
L'arcivescovo di Vilnius succede al card. Bagnasco
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 25 SET - È mons. Gintaras Linas Grusas, arcivescovo di Vilnius, il nuovo presidente del Consiglio delle Conferenze episcopali d'Europa. Ad eleggerlo sono stati i presidenti delle Conferenze episcopali europee riuniti a Roma in assemblea plenaria. Succede al cardinale Angelo Bagnasco. Mons. Grusas è nato il 23 settembre 1961 a Washington D.C. negli Stati Uniti. È cresciuto in una famiglia lituana e prima di entrare in seminario, ha terminato gli studi in Matematica e Informatica presso l'Ucla, l'università di California, a Los Angeles. Ha poi lavorato presso Ibm. Ha iniziato i suoi studi in Teologia presso la Franciscan University di Steubenville, in Ohio. Ha poi proseguito i suoi studi per due anni a Roma. Il 25 giugno 1994 è stato ordinato sacerdote a Vilnius. Nello stesso anno è stato scelto come segretario generale della Conferenza Episcopale Lituana. Il 5 aprile 2013, Papa Francesco lo ha scelto come arcivescovo di Vilnius. Dal 28 ottobre 2014 è presidente della Conferenza Episcopale Lituana. Sono stati eletti vicepresidenti del Ccee il card. Jean-Claude Hollerich, arcivescovo di Lussemburgo e presidente della Comece (episcopati dell'Unione europea), e mons. Laszlo Nemet, presidente della Conferenza episcopale che raggruppa i vescovi di Serbia, Montenegro, Kosovo e Macedonia del Nord. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Hubert Védrine: "Le democrazie rappresentative sono in crisi"

Le notizie del giorno | 24 luglio - Serale

Come l'intelligenza artificiale viene utilizzata per istruzione, arte e veicoli autonomi in Qatar