A Kazan è andata in scena la gara di velocità... su tacchi a spillo!

Uno dei partecipanti alla gara maschile su tacchi a spillo di Kazan, Russia
Uno dei partecipanti alla gara maschile su tacchi a spillo di Kazan, Russia Diritti d'autore via video AP
Di Cinzia Rizzi Agenzie:  AP
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

E per la prima volta, quest'anno si è tenuta anche una competizione maschile

PUBBLICITÀ

No le ragazze nel video qui sopra non si stanno cambiando per andare al ristorante o al lavoro dopo una corsetta... Ma si stanno infilando i tacchi a spillo proprio per correre!

A Kazan, in Russia, si è infatti tenuta una gara di velocità: 60 metri da percorrere in decolleté da 10 o 12 centimetri. È già diventato un evento annuale nella capitale del Tatarstan, ma per la prima volta quest'estate vi hanno partecipato anche degli uomini.

Uno dei tre ci spiega come sia stato tutt'altro che semplice: "Potete immaginare quanto sia difficile per le donne camminare costantemente con tacchi così alti? Anche gli uomini possono sperimentarlo in questa competizione", dice Ilgiz Mursalimov.

Alsu Zaripova è stata la trionfatrice della gara femminile e si dice molto soddisfatta del risultato: "Sono venuta solo per divertirmi e per correre. È stato più difficile di quanto pensassi, ma sono felice di com'è andata a finire: non sono inciampata, sono viva e tutta intera".

Non può dire lo stesso un'altra concorrente, che dopo essere stata caduta ha dovuto disinfettare le ferite (lievi) sulle ginocchia. 

Come premio, chi ha tagliato per primo il traguardo ha ricevuto una gift card da 30 mila rubli (circa 340 euro) da spendere - ovviamente - in uno dei negozi di scarpe di Kazan.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Morte di Navalny, la madre vede il corpo: "Vogliono che seppellisca mio figlio in segreto"

Morte Navalny: il mondo ricorda il dissidente, quasi 400 arresti in Russia

Morte di Navalny: mistero sul corpo, dubbi sulla data e sulla causa del decesso