ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Il nuovo fischio d'inizio nella vita di Nilofar Bayat, che giocava a basket in Afghanistan

Access to the comments Commenti
Di Cinzia Rizzi  & euronews
euronews_icons_loading
Nilofar Bayat e il marito sbarcano alla base aerea di Torrejon de Ardoz, Spagna
Nilofar Bayat e il marito sbarcano alla base aerea di Torrejon de Ardoz, Spagna   -   Diritti d'autore  MARISCAL/AFP OR LICENSORS
Dimensioni di testo Aa Aa

Nilofar Bayat era la capitana della nazionale afghana di basket paralimpica. È da poco arrivata in Spagna da Kabul. È atterrata venerdì scorso alla base aerea di Torrejón de Ardoz, alle porte di Madrid. Non è stato facile salire su quel volo di evacuazione: "Abbiamo passato due notti e due giorni sotto il sole", racconta. "Non c'era niente da mangiare, nemmeno un posto per sedersi..."

Bayat, che ha temuto per la sua vita negli ultimi giorni in Afghanistan, ora è a Bilbao, nei Paesi Baschi, dove proverà a iniziare da capo con il marito Ramish. "Vogliamo imparare la lingua", spiega la giovane. "Vorrei parlare con le persone, condividere quello che sento e fare amicizia in Spagna".

Bayat e il marito sono stati evacuati dopo un suo appello sui social. Con l'aiuto di diversi giornalisti, della federazione spagnola di pallacanestro e di altre autorità, il suo nome è finito sulla lista ufficiale di coloro che potevano prendere un volo per "fuggire dall'inferno". "Siamo riusciti a salvare le nostre vite, ma che dire delle famiglie che sono ancora lì?", dice la giocatrice.

Due club di basket spagnoli le hanno offerto un posto in squadra e Bayat ha scelto la formazione di Bilbao. "Abbiamo accettato senza pensarci troppo, perché vogliamo iniziare a giocare a basket il prima possibile".

Le operazioni di evacuazione dei civili proseguono intanto a Kabul, nonostante il caos dentro e nei dintorni dello scalo, che ha già fatto diverse vittime.