ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Desirée: archiviata l'inchiesta bis, legali 'non ci fermiamo'

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Disposto il sequestro del profilo ignoto mai analizzato
Disposto il sequestro del profilo ignoto mai analizzato
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – BRESCIA, 17 AGO – Il gip del tribunale di Brescia ha
archiviato l’inchiesta bis sulla morte di Desirée Piovanelli, la
14enne uccisa a Leno, in provincia di Brescia nel settembre del
2002. Gli autori materiali, di cui tre minorenni che hanno
scontato la pena e sono liberi e un maggiorenne ancora in
carcere, sono già stati condannati in via definitiva, ma secondo
il padre della ragazzina non tutta la verità è emersa. Il genitore sostiene che dietro al delitto della figlia ci
fosse un giro di baby prostituzione e che il presunto mandante
sia ancora in libertà. “L’archiviazione ci lascia l’amaro in
bocca. Anche perché è stato disposto il sequestro del profilo di
dna ignoto trovato sulla manica e sul retro del giubbino che
indossava Desirée quando è stata ritrovata. Tracce che all’epoca
non erano state prese in considerazione” hanno commentato gli
avvocati Alessandro Pozzani e Cesare Gualazzini, che
rappresentano i genitori della vittima e che avevano presentato
opposizione alla richiesta di archiviazione della procura. “Uno
dei minorenni condannati prima e dopo il delitto aveva chiamato
a lungo un numero di un telefono intestato ad un adulto. Perché
non è stato preso in considerazione?” si chiedono i legali. “Il
fatto che però si ammetta che ci sia un profilo ignoto e che ne
sia stato disposto il sequestro ci fa dire che non ci fermiamo e
che andremo avanti”. Anche il padre di Desirée Piovanelli è
convinto che “qualcuno sa la verità, sa come sono andati i fatti
e spero che prima o poi la racconti”. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.