ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Berlino, prove di ripartenza nella città simbolo della clubculture europea

Access to the comments Commenti
Di Euronews
l'Ingresso della "Wilden Renate", come appariva a fine marzo 2020
l'Ingresso della "Wilden Renate", come appariva a fine marzo 2020   -   Diritti d'autore  AP Photo
Dimensioni di testo Aa Aa

Dopo un anno e mezzo di pausa, qualcosa torna a muoversi nella città simbolo per antonomasia della club culture europea.

Grazie a un nuovo protocollo che verrà rodato in questi giorni, ben 6 club riapriranno i battenti a Berlino questo week end, per un giro di prova in grande stile.

L'iniziativa si chiama, per l'appunto, "Clubculture Reboot" (ovvero riavvio della culb culture) e a prendervi parte ci sono l'Amministrazione Cultura del Senato, la Clubcommission e l'Ospedale universitario della Charité, che hanno unito le forze per riaprire come parte di un progetto pilota una tantum.

All'interno dei locali coinvolti, le cose si svolgeranno quasi come se la pandemia non fosse mai esistita: vale a dire piste da ballo piene, niente mascherine, niente distanziamento.

L'unica differenza: gli ospiti dovranno sottoporsi a un test PCR prima e pochi giorni dopo la visita. Secondo la Club commission, 20 strutture hanno presentato domanda per il progetto, e sei sono state selezionate. Nella selezione sono stati presi in considerazione i sistemi di ventilazione, i quartieri della città e il tipo di musica: i luoghi dovrebbero essere il più diversi possibile.

I biglietti sono andati a ruba: l'SO36 di Kreuzberg è stato il primo club coinvolto ad iniziare a vendere online lo scorso martedì, e i 300 posti disponibili sono andati esauriti in brevissimo tempo. Poi è arrivata la Festsaal Kreuzberg - anche lì i biglietti limitati sono stati esauriti a tempo di record. Altri club partecipanti sono il Crack Bellmer, il Salon Zur Wilden Renate, il Kitkat Club e il Metropol.

Gli ospiti possono anche spostarsi da una location all'altra, purché lo spazio dei singoli club lo consenta.

Prima il test, poi la festa

Chi è riuscito ad accaparrarsi un biglietto dovrà essere testato in una delle tre stazioni appositamente allestite prima della festa. Chiunque, tra vaccinati, non vaccinati o guariti, potrà accedere agli eventi a condizione di risultare negativo al test, di non presentare sintomi compatibili a quelli del Covid o di non essere di ritorno da aree ad alta incidenza o soggette a quarantena.

I test raccolti vengono inviati al laboratorio ogni due ore. I risultati arrivano dopo circa tre ore: se sono negativi, la festa può iniziare. Dopo il risultato positivo del test si riceve un nastro non removibile con un codice biglietto personalizzato, che permetterà di accedere ai locali per l'intero weekend fino a mezzogiorno di domenica. Inoltre, gli organizzatori sono tenuti a chiedere una carta d'identità.

Tuttavia, se il test PCR risulta positivo, verrà ordinata una quarantena e il prezzo di acquisto del biglietto sarà rimborsato,

E come viene testato il "dopo"?

Una settimana dopo, il 13 agosto, i partecipanti dovranno eseguire un altro test PCR in una delle tre stazioni di test. A titolo di incentivo, verranno rimborsati 10 euro del prezzo di ingresso di 25 euro. C'è anche un questionario online che verrà inviato dal personale della Charité.

L'idea alla base di questo è come i club e le discoteche possono aprire ulteriormente in condizioni di pandemia. Quindi, se nessuno viene infettato durante il fine settimana della festa, il concetto potrebbe essere utilizzato per eventi simili in futuro. E questo è anche nell'interesse del comitato di club.

"Abbiamo urgente bisogno di un piano e di una soluzione, come possiamo trovare la strada per tornare dalla nostra stagnazione di un anno e mezzo nella vita della cultura del club", ha spiegato il presidente del consiglio Pamela Schobeß alla rbb.