ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Com'è la situazione del certificato digitale europeo a tre settimane dalla sua implementazione?

Access to the comments Commenti
Di Alberto De Filippis
euronews_icons_loading
Com'è la situazione del certificato digitale europeo a tre settimane dalla sua implementazione?
Diritti d'autore  ERIC LALMAND/AFP
Dimensioni di testo Aa Aa

Sono trascorse oltre tre settimane dall'entrata in vigore del certificato di viaggio dell'Unione Europea. I viaggiatori lo stanno già utilizzando, ma la normalità è ancora lontana in termini di mobilità e turismo. Siamo stati all'aeroporto di Bruxelles di Zaventem e molti turisti hanno ancora numerosi dubbi.

Un uomo dice: “Abbiamo fatto tutto usando il pc. Va tutto bene per ora. È un po' complicato rispettare le regole. ma dovrebbe andare bene”.

Una donna aggiunge: "Abbiamo avuto problemi con le compagnie aeree perché i voli venivano costantemente cancellati e giorno dopo giorno dovevamo adeguare la nostra vacanza."

La Germania ha ripristinato la quarantena. L'esperimento delle isole greche senza covid non sta ottenendo i risultati sperati e nonostante il modulo digitale molti paesi continuano a chiedere di compilare il PLF (Modulo Locatore Passeggeri). Molti paesi membri hanno regole diverse tra loro e questo non fa che esacerbare l'incertezza anche delle compagnie aeree.

Michael Harrington direttore generale AIRE: “Dove abbiamo problemi davvero enormi è stato nella verifica dei certificati. Ogni stato è responsabile della produzione di determinati protocolli per il modo in cui questi certificati vengono verificati. E posso dirvi che da un rapido sondaggio fatto, su 30 paesi ci sono 15 modi diversi in cui questi certificati vengono verificati”.

La mancanza di coordinamento è denunciata anche da alcuni parlamentari. Gli errori commessi potrebbero avere gravi conseguenze secondo questo eurodeputato

L'eurodeputato popolare Pablo Arias Echeverria dice: "Questa mancanza di coordinamento è stato uno dei grandi problemi che l'Unione europea ha avuto quando si è trattato di affrontare o cercare di ridurre al minimo l'impatto della pandemia sull'economia. Se avessimo avuto un maggiore coordinamento fin dall'inizio, probabilmente saremmo riusciti a minimizzare questo impatto in modo più solvibile per l'industria stessa e per l'economia europea. Penso che chi doveva farlo abbia agito in ritardo, in modo disordinato, ma è importante sapere che hanno agito e sapere che la commissione ha fatto il necessario e anche il parlamento e gli stati devono imparare che la collaborazione è fondamentale”.

Con l'arrivo della variante delta e l'aumento dei casi in alcuni territori, alcuni paesi stanno cambiando ancora una volta il loro approccio al contenimento del virus. Il risultato è un'immensa confusione ed esasperazione dei cittadini e del settore turistico. Gli annullamenti si moltiplicano e milioni di posti di lavoro continuano a essere a rischio.