ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Al via Fit for 55, magaprogetto europeo per un futuro verde

Di Euronews
euronews_icons_loading
Al via Fit for 55, magaprogetto europeo per un futuro verde
Diritti d'autore  JEAN-FRANCOIS MONIER/AFP
Dimensioni di testo Aa Aa

È tempo che i sogni verdi diventino realtà.

La Commissione Europea ha presentato un massiccio pacchetto di proposte legislative per raggiungere il suo obiettivo di ridurre le emissioni inquinanti del 55% entro il 2030.

Ben 7 commissari Ue erano sul palco per presentare una dozzina di iniziative che cambieranno il modo di vivere, guidare, produrre e commerciare in Europa.

Così Ursula von de Leyen, presidente della Commissione Europea: "L'Europa è ora il primissimo continente a presentare un'architettura completa per soddisfare le nostre ambizioni climatiche. Abbiamo l'obiettivo, ma ora presentiamo una tabella di marcia su come ci arriveremo. Il nostro pacchetto mira a combinare la riduzione delle emissioni con misure per preservare natura e di porre il lavoro e l'equilibrio sociale al centro di questa trasformazione”.

Questi sono i punti principali del cosiddetto piano Fit for 55:

La pietra angolare è l'Emissions Trading System, che fa pagare grandi settori inquinanti come quello marittimo e aereo.

Ci sarà anche una tassazione per l'importazione di prodotti come acciaio o cemento attraverso il cosiddetto meccanismo di Carbon Border Adjustment.

Spingerà chiaramente lo sviluppo delle energie rinnovabili come il solare o l'eolico, sviluppando allo stesso tempo la mobilità verde.

E poiché tutto ciò potrebbe portare a un aumento del prezzo dell'energia per i cittadini, l'UE sta progettando un fondo sociale per il clima per evitare proteste sociali.

Le misure avranno un impatto sulle industrie ma anche sui cittadini. Facciamo l'esempio delle auto...

Entro il 2035, la Commissione europea si aspetta che le aziende smettano di vendere auto diesel e le sostituiscano con auto elettriche.

Ma questo è solo il primo passo di un lungo processo che può durare almeno due anni, prima che il Parlamento e gli Stati membri si mettano d'accordo.