ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Bruxelles: lasciare il carbonio alle frontiere

Di Euronews
euronews_icons_loading
Bruxelles: lasciare il carbonio alle frontiere
Diritti d'autore  MORRIS MAC MATZEN/AFP
Dimensioni di testo Aa Aa

La tassa di CO2 alle frontiere è anche un piccolo acronimo di 4 lettere e potrebbe scuotere le industrie internazionali ad alta produzione di carbonio. È il meccanismo di regolazione del carbonio di confine. La Commissione Europea presenterà nel dettaglio questo strumento mercoledì, l'obiettivo è quello di fissare una carbon tax sui prodotti importati al fine di tutelare le aziende Ue, che dovranno ridurre le proprie emissioni di gas serra entro il 2030.

David O'Sullivan, consigliere senior, Steptoe & Johnson, ex ambasciatore dell'Unione europea (UE) negli Stati Uniti: "Molte delle industrie più colpite si sentono poi a rischio di essere trattate ingiustamente da prodotti concorrenti che provengono da paesi extraeuropei. Quindi dicono: beh, se quei prodotti non sono costretti a rispettare la stessa rigorosa produzione di carbonio hanno un ingiusto vantaggio competitivo e dovremmo avere un meccanismo alla frontiera che lo compensi”.

Questo meccanismo dovrebbe riguardare acciaio, cemento, fertilizzanti, alluminio ed elettricità. Questi settori stanno osservando attentamente gli ultimi adeguamenti politici e il calendario per l'attuazione di questo meccanismo. I produttori di acciaio sostengono l'obiettivo climatico, ma stabiliscono le condizioni per transizioni di successo.

Adolfo Aiello, Eurofer, Direttore Clima ed energia: "La prima condizione è che si debbano integrare le misure esistenti come l'assegnazione gratuita almeno fino al 2030. In secondo luogo, bisogna includere una soluzione per le esportazioni perché esportiamo per 30 miliardi di euro all'anno. E in terzo luogo c'è bisogno di contromisure efficaci contro l'elusione".

Per aggirare le regole, le aziende possono giocare sui prezzi per assorbire il costo di una carbon tax. Possono decidere di inviare nell'Unione solo i prodotti meno inquinanti ed esportare altrove la produzione a maggiore intensità di carbonio.

Ma il dibattito travalica i confini europei poiché si tratta di tassare i concorrenti internazionali. Per diventare realtà, questo meccanismo di aggiustamento deve convincere i partner a essere convalidato dall'Organizzazione mondiale del commercio.

Geneviève Pons, amministratore delegato di Europa-Jacques Delors: "Per raggiungere questa neutralità del carbonio dobbiamo mettere un prezzo alto sul carbonio e se vogliamo evitare perdite di carbonio, deve valere anche per i prodotti importati, quindi è necessario un meccanismo di adeguamento del carbonio alle frontiere. Questa pedagogia significa spiegare ai nostri grandi partner che questo non è protezionismo, che è una necessità per contribuire a un obiettivo comune.

Questo strumento potrebbe portare fino a 10 miliardi di euro all'anno. Questa risorsa potrebbe quindi partecipare al finanziamento del piano di rilancio europeo. Ma alcuni analisti sottolineano che in linea di principio questa opzione non è praticabile. L'obiettivo è ridurre le emissioni di gas serra e quindi vedere le aziende ridurre la propria impronta di carbonio e quindi pagare meno tasse.