ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Un'astensione record batte Marine Le Pen alle elezioni regionali francesi

Access to the comments Commenti
Di euronews
euronews_icons_loading
Un'astensione record batte Marine Le Pen alle elezioni regionali francesi
Diritti d'autore  David Vincent/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

Marine Le Pen non conquista le regioni francesi. Il partito di estrema destra, Rassemblement National (RN), viene sconfitto alle regionali da un tasso di astensione record, il 66%, e da un patto 'repubblicano' che consegna la vittoria al centro-destra nelle regioni principali, a Parigi e dintorni, in Alvernia, a Lione e nella Valle del Rodano fino alle Alpi.

Anche nel Sud-est, nella regione Provenza Alpi e Costa Azzurra il partito di Marine Le Pen deve cedere il passo al centro-destra repubblicano. Il suo partito era in vantaggio al primo turno, ma è stato sconfitto al secondo per un patto anti-ultradestra e per il ritiro di gauche e verdi.

Marine Le Pen si è scagliata contro l'informazione e "contro la pessima organizzazione del ministero dell'Interno" che hanno spinto i cittadini all'astensione. Se l'è presa poi con le grandi alleanze che hanno impedito al suo partito "di dimostrare la capacità di guidare una regione". "L'astensione record, che coinvolge soprattutto giovani e classe popolare, deve far riflettere la politica e tutta la società" ha continuato nel suo discorso pubblicato anche su Twitter.

Les Républicains ottengono 5 presidenti di regioni, tra cui Laurent Wauquiez della regione di Lione-Alpi-Rodano e Alvernia che contende la candidatura del centro-destra alle presidenziali del 2022 alla conservatrice moderata indipendente, Valérie Pécresse, grande vincitrice nell'Île-de-France.

Da un punto di vista politico generale sono comunque risultati poco indicativi a causa della desistenza praticata da La République En Marche (LaREM), la fazione che sostiene l'attuale presidente Macron, e per la grande coalizione di fatto tra destra repubblicana e socialisti.

Non ci sarà nessun rimpasto di governo ma degli "aggiustamenti necessari e limitati": dicono fonti dell'esecutivo. A meno di un anno dalle elezioni presidenziali del 2022, questo nuovo scrutinio regionale doveva essere la prova generale di un nuovo duello tra l'attuale presidente Emmanuel Macron e Marine Le Pen per l'Eliseo e, invece, proprio i due pretendenti sono stati i più puniti da un'affluenza mai cosi bassa.