This content is not available in your region

Solidarietà in Polonia e Ucraina al popolo bielorusso

Access to the comments Commenti
Di Cinzia Rizzi  Agenzie:  AP, AFP, ANSA
euronews_icons_loading
Manifestazione per la libertà per l'attivista dell'opposizione bielorussa Roman Protasevich, in Piazza del Castello a Varsavia, Polonia
Manifestazione per la libertà per l'attivista dell'opposizione bielorussa Roman Protasevich, in Piazza del Castello a Varsavia, Polonia   -   Diritti d'autore  Czarek Sokolowski/The Associated Press

La Polonia ha voluto dimostrare tutta la sua solidarietà al popolo bielorusso, organizzando una protesta nella Piazza del Castello della Città Vecchia di Varsavia. Presenti attivisti, parlamentari e anche i genitori di Raman Pratasevich, giornalista e oppositore bielorusso incarcerato dopo il caso dell'aereo dirottato su Minsk.

"Per la libertà di parola mio figlio, la sua ragazza e altri sono in prigione", dice la madre del 26enne cronista. "Voglio che Lukashenko ci ripensi. E non mi vergogno di chiedere aiuto a tutti i Paesi dell'Unione europea, all'America".

Anche in Ucraina questo sabato decine di manifestanti di origine bielorussa sono scesi in strada. Vogliono la libertà per chi vive in patria e soprattutto la partenza del presidente Aleksander Lukashenko. "Non possiamo protestare a casa nostra in Bielorussia", dice un dimostrante. "Così abbiamo deciso di attirare l'attenzione di altri Paesi, per dire che viviamo tutti sullo stesso pianeta, nella stessa Europa".

Venerdì l'Organizzazione internazionale dell'aviazione civile, agenzia dell'Onu, aveva annunciato che aprirà un'inchiesta sul dirottamente dell'aereo della Ryanair, partito dalla Grecia verso la Lituania.

"Dire sin da subito che si tratta di un atterraggio forzato, condannarlo, introducendo sanzioni senza indagare è un tipo di comportamento assolutamente irresponsabile", ha dichiarato il vice rappresentante della Russia alle Nazioni Unite, Dmitry Polyanskiy.

E per ribadire l'appoggio di Mosca a Minsk, cinque giorni dopo l'accaduto, il presidente russo Vladimir Putin ha invitato a Sochi il suo omologo bielorusso. Si tratta del terzo incontro tra i due Capi di Stato quest'anno, un chiaro segnale da parte di Putin verso l'Occidente.