EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Siria: Bashar al-Assad vince per la quarta volta le elezioni presidenziali

Siria: Bashar al-Assad vince per la quarta volta le elezioni presidenziali
Diritti d'autore Hassan Ammar/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.
Diritti d'autore Hassan Ammar/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Presidenziali in Siria: quarto mandato per Assad che passa alle urne con il 95,1% dei voti

PUBBLICITÀ

Tutto secondo copione, in Siria non c'era vera contesa e non ci sono state sorprese: Bashar al Assad ha incassato la quarta vittoria presidenziale, festeggiata da migliaia di persone per le strade di Damasco.

In un'elezione aspramente criticata da Stati Uniti, Gran Bretagna e Unione Europea per l'assenza di veri candidati d'opposizione, il presidente ha ricevuto il 95, 1% dei voti.

Il presidente del parlamento siriano Hammouda al-Sabbagh ha ufficializzato il risultato del voto: Assad ha ricevuto 13.540.860 voti. Alta l'affluenza alle urne, pari al 76,64%.

Bashar al Assad doveva affrontare la concorrenza simbolica di due candidati, un ex ministro e un ex esponente dell'opposizione.

Il presidente è in carica dal 2000, quando prese il posto di suo padre Hafez, al potere dal 1970. Il risultato elettorale gli garantirà altri 7 anni alla presidenza della Siria.
Nelle precedenti consultazioni del 2014 Assad aveva ottenuto quasi il 90% dei voti.

Da dieci anni la Siria vive una guerra che ha ucciso circa mezzo milione di persone e ha costretto 10 milioni di siriani a scappare. Secondo le Nazioni Unite, più del 90% della popolazione vive sotto la soglia di povertà.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Elezioni in Siria: l'esito sarà scontato, quarto settennato per Assad

Siria: attacco aereo su un mercato, diversi morti

Elezioni Regno Unito: il ritorno di Nigel Farage, i conservatori perdono voti