Israele fa i conti con il fronte interno: "guerra civile"

Israele fa i conti con il fronte interno: "guerra civile"
Diritti d'autore /AFP
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'escalation di violenza nella Striscia di Gaza infiamma le città "miste", scontri tra arabi ed ebrei. Arresti

PUBBLICITÀ

L’escalation di violenza nella Striscia di Gaza infiamma anche il fronte interno: le città "miste" israeliane, tra cui Lod, nel centro del Paese, una trentina di chilometri da Tel Aviv, ma anche Acre, Gerusalemme, Haifa, Bat Yam e Tiberiade, da sei giorni sono teatro di violenti scontri tra arabo israeliani ed ebrei.

Vittime, auto date alle fiamme, edifici devastati: scene da “guerra civile”, come le ha definite il sindaco di Lod Yair Revivo, a cui hanno fatto seguito diversi arresti, la proclamazione dello stato di emergenza e il coprifuoco notturno.

Il terrore nelle parole dei residenti. “Siamo nascosti da una settimana, come fossimo in guerra - racconta un abitante -. Devo dormire con mio figlio di 12 anni perché ha paura a dormire da solo".

Una manifestazione per chiedere la fine delle ostilità e la convivenza pacifica tra le due comunità è stata organizzata a Jish, città del Nord del Paese.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Bombe di Israele su Gaza: bambini tra le vittime. Hamas lancia razzi

Israele risponde agli inviti alla moderazione: "Colpiremo l'Iran, al momento giusto"

Gaza, Israele ritira parte dell'esercito: possibile tregua nella Striscia per fine Ramadan