Vende gioielli ma non erano di Bulgari, nei guai nobildonna

Marta Brivio Sforza si difende, una perizia dice che sono veri
Marta Brivio Sforza si difende, una perizia dice che sono veri
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 13 MAG - Non sarebbero "serpenti Bulgari" i gioielli con orologio incastonato, che Marta Minozzi Brivio Sforza, nobildonna milanese, cedette a 200mila euro al commerciante Albert Hamadani il 2 luglio 2019. Ora questa vicenda si trascina nelle aule giudiziarie tra Milano e Roma dove i monili sono stati posti sotto sequestro e dalla denuncia di Hamadani è nato un procedimento a carico della nobildonna 68enne, seconda moglie del marchese Annibale Brivio Sforza, indagata ora per truffa. Hamadani acquistò i due preziosi e li rivendette per 300mila euro a un gioielliere di Monte Carlo. L'acquirente li rimandò indietro facendosi restituire i soldi, perché dalle sue indagini era risultato che i serpenti non erano stati prodotti negli anni '70 ma di fattura ben più recente. Marta Brivio Sforza, si rifiutò di restituire i soldi sostenendo che i gioielli erano autentici. Dalle perizie chieste da Hamadani nei laboratori di Roma di Bulgari era emerso che i monili, pur realizzati con materiali preziosi, non sono "una creazione originale Bulgari". La maison, tra l'altro, avvertì, che la messa in commercio con il marchio Bulgari costituisce «violazione della normativa civile e penale". Il 17 aprile 2020 il pm di Milano Luigi Furno aveva chiesto l'archiviazione, perché "non sussiste alcun profilo di dolo nella condotta di Minozzi che ha posto in essere la trattativa munendosi, in totale buona fede, di valutazioni effettuate da un esperto del settore": la ditta Illario 1920. Il legale di Hamadani si è opposto e ha presentato opposizione all'archiviazione che però ancora non è arrivata al gip con un'udienza. I due serpenti sono stati sequestrati a Roma in quanto considerati prodotti contraffatti. Nella capitale è stato aperto un nuovo fascicolo a carico di ignoti (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Orban apre la campagna elettorale di Fidesz: "In Ucraina Bruxelles gioca col fuoco"

Iran-Israele, il conflitto è diretto: il pericolo di missili, raid e arsenali nucleari

New York, uomo si dà fuoco davanti al tribunale del processo a Donald Trump