ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Papa: a Mosul tra le macerie della guerra

A Qaraqosh incontra i cristiani che erano stati cacciati da Isis
A Qaraqosh incontra i cristiani che erano stati cacciati da Isis
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – MOSUL, 07 MAR – Il Papa oggi a Mosul, nel Nord
dell’Iraq, per la preghiera per le vittime della guerra. A
Piazza delle Chiese, dove si svolge l’evento, sono ancora
visibili le macerie della guerra. Le strade e le chiese della
città portano i segni della devastazione. Il Papa ha parlato
subito del tragico esodo dei cristiani dopo l’invasione della
Piana di Ninive da parte dell’Isis. “Il tragico ridursi dei
discepoli di Cristo, qui e in tutto il Medio Oriente, è un danno
incalcolabile non solo per le persone e le comunità interessate,
ma per la stessa società che si lasciano alle spalle”, ha detto
il Papa. “Qui a Mosul – ha proseguito – le tragiche conseguenze
della guerra e delle ostilità sono fin troppo evidenti. Com‘è
crudele che questo Paese, culla di civiltà, sia stato colpito da
una tempesta così disumana, con antichi luoghi di culto
distrutti e migliaia e migliaia di persone, musulmani,
cristiani, yazidi che sono stati annientati” dal terrorismo “e
altri sfollati con la forza o uccisi!”. “Oggi, malgrado tutto,
riaffermiamo la nostra convinzione che la fraternità è più forte
del fratricidio, che la speranza è più forte della morte, che la
pace è più forte della guerra”. Il Pontefice è atteso a Qaraqosh nella chiesa dell’Immacolata
Concezione che i terroristi avevano trasformato in un poligono
di tiro. Nel pomeriggio chiuderà la giornata con la Messa ad
Erbil, nel Kurdistan iracheno. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.