ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Covid: Venezia; albergatori, per Natale camminiamo nel buio

Siamo desolatamente vuoti,a maggio e giugno qualche prenotazione
Siamo desolatamente vuoti,a maggio e giugno qualche prenotazione
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – VENEZIA, 24 NOV – “Per Natale e Capodanno a Venezia
camminiamo nel buio più totale, gli alberghi sono desolatamente
vuoti o chiusi e l’incertezza costante non permette la
programmazione che in questo mestiere è un passaggio
fondamentale”. Lo dice Claudio Scarpa, direttore
dell’Associazione veneziana albergatori, che non vede nulla di
buono all’orizzonte anche se “il Governo ci dà costanti
rassicurazioni sugli aiuti economici”. “A pesare è anche il
fatto che a Venezia – prosegue Scarpa – è praticamente
impossibile arrivare, siamo praticamente l’unica regione
‘gialla’ quindi nè dall’Italia e di conseguenza dall’estero non
si prospettano arrivi”. Scapa cerca di tradurre in immagini il
suo sconforto. “Esco da un cinque stelle – racconta – totalmente
deserto e desolante nel suo splendido vuoto, ora andrò in un tre
stelle ma sarà esattamente la stessa identica cosa”. “Come si fa
a pensare ad un Natale a Venezia – sottolinea – in queste
condizioni, e poi chi può immaginare un Capodanno con un
veglione.”. Di questi tempi nel recente passato, ricorda, si
parlava “con i numeri; quanti arrivi, quante presenze, spesa
media dell’ospite e proposte da spingere sul mercato. Ora ci
confrontiamo sul chiudere o meno e mandare a casa i dipendenti o
se rimanere almeno con le luci accese”. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.