EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Marijuana per 6mln di euro sequestrata in centro Sardegna

Estirpate due piantiagioni e arrestati i coltivatori-spacciatori
Estirpate due piantiagioni e arrestati i coltivatori-spacciatori
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - NUORO, 25 AGO - Due estese piantagioni di marijuana con 7mila piante e 26 chili di infiorescenze già raccolte e pronte per lo spaccio, sono state sequestrate dai carabinieri della compagnia di Macomer nelle camapagne di Montresta in due diverse operazione a partire dal giugno scorso. Nel corso delle perquisizioni sono stati rinvenuti anche un chilo di hashish e oltre 100 grammi di cocaina, droga che immessa sul mercato illegale avrebbe fruttato circa 6milioni di euro. Dopo alcuni mesi di indagini i militari hanno chiuso il cerchio arrestando i coltivatori delle due piantagioni: Simone Marchi, di 24 anni di Gavoi, Michele Chillocci, anche lui di 24 di Fonni, Giovanni Antonio Addis, di 19 di Bosa, e Antonio Pietro Piras, di 39 anni bosano. Tutti sono stati giaà trasferiti nel carcere oristanese di Massama in attesa dell'interrogatorio di garanzia. E' scattato invece l'obbligo di dimora a Gavoi per il 24enne Daniel Porcu. L'accusa per tutti è di coltivazione, produzione e spaccio di marijuana, hashish e cocaina. L'indagine, coordinata dalla Procura di Oristano, ha visto sul campo oltre ai carabinieri alla compagnia di Macomer, i militari della stazione di Montresta e i colleghi delle stazioni vicine, il Reparto Squadriglie di Nuoro e i Cacciatori di Sardegna. I dettagli delle due operazione sono stati spiegati nel corso di una conferenza stampa nella sede del comando provinciale di Nuoro dal maggiore Giuseppe Castrucci, comandante della vcompagnia di Macomer. Tutto è inizato nel giugno scorso quando i militari della caserma di Montresta, hanno arrestato in località Monte Filighe Giuseppe Francesconi, 51 annie di Porto Torres, e Simone Marchi, di 24 di Gavoi, per la coltivazione di 2mila e 200 piante e la detenzione di circa 14 chili di infiorescenze. Pochi giorni dopo i carabinieri hanno scoperto in località Monte Crispu una seconda piantiagione con 5mila e 200 piante e 12 chili di infiorescenze, oltre a tende per bivacchi, radio e cellullari per il controllo a distanza dei terreni. Il lavoro di intelligence, gli appostamenti e le perquisizioni seguiti al sequestro delle piantagioni hanno consentito agli uomini dell'Arma di risalire e arrestare i responsabili. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Elezioni in Francia, lo scenario di un governo di minoranza del Rassemblement National

Le notizie del giorno | 24 giugno - Serale

Aborto, le donne brasiliane scendono in strada contro proposta di legge "criminalizzante"