ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Teatri britannici verso la riapertura

euronews_icons_loading
frame
frame   -   Diritti d'autore  frame
Di euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

In Gran Bretagna va verso la graduale riapertura il settore teatrale, le cui attività sospese dall'inizio della pandemia da coronavirus, più di un anno fa, hanno messo nei guai i 300.000.addetti della categoria. Per la metà di maggio è attesa la ripresa degli spettacoli al chiuso, ma nel rispetto delle norne di sicurezza e delle distanze sanitarie.

Nica Burns, produttore teatrale, spiega che la crisi del covid ha già cambiato il loro ambito professionale. Molti professionisti si sono trasferiti fuori Londra ed alcuni hanno cambiato perfino mestiere, abbandonando la condizione dei freelance e ricercando un lavoro più stabile, perché hanno visto come possa andare se i tempi si fanno difficili".

Cambiamenti causati dalla pandemia anche tra gli attori, che in tanti hanno dovuto far fronte a imprevisti problemi finanziari. Noah Thomas, attore, auspica che prima o poi lui i suoi coleghi possano tornare a fare il loro lavoro. "Non riunciamo a ciò per cui ci siamo formati".

Una determinazione condivisa anche da Hiba Elchikhe: "Lavorare nella mia città mi rende l'euforia che non provo altrove. Uscire dal teatro e vedere i manifesti sugli autobus, è qualcosa di elettrizzante".

Le riaperture dei teatri saranno comunque non facili, anche perché i grandi spettacoli non possono reggersi con i limiti di capienza imposti alle sale, e in ogni caso non potranno fare affidamento sulle abuituali folle di turisti stranieri.

Le restrizioni dovrebbero finire il 21 giugno, ma tutto potrebbe tronare in discussione se gli indici di contagio dovessero tornare a salire.