ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Con progetto Nespresso, +31% raccolta e riciclo capsule

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Nel 2019 1335 tonnellate di alluminio recuperate
Nel 2019 1335 tonnellate di alluminio recuperate
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – ROMA, 27 LUG – Sono 1335 le tonnellate di alluminio
raccolte e recuperate in Italia nel 2019 grazie al progetto di
Nespresso da Chicco a Chicco, per la raccolta e il riciclo delle
capsule esauste in Italia. Un numero in crescita di quasi un
terzo (il 31% in più) rispetto all’anno precedente, grazie anche
all’aumento dei punti di raccolta che sono saliti a 116, fra
punti vendita in cui si possono lasciare le capsule usate o
isole ecologiche, cioè 17 in più.
“Siamo molto orgogliosi degli ottimi risultati raggiunti finora
dal nostro progetto, che – dichiara Marta Schiraldi, Technical
and Quality Director Nespresso Italiana. – ci permette, grazie
al contributo dei nostri consumatori, di limitare l’impatto
ambientale del consumo di caffè in capsule e favorire il riciclo
di alluminio nel nostro Paese”.
Le capsule vengono portate in un impianto di Brescia dove
l’alluminio viene separato dal caffè. Il primo è destinato alle
fonderie, mentre il caffè viene trasformato in compost e
successivamente portato in una risaia in provincia di Novara. Il
riso prodotto grazie a questo concime naturale, riacquistato da
Nespresso, viene infine donato a Banco Alimentare della
Lombardia – a cui ad oggi sono state donate 2 milioni 954 mila
porzioni di riso – e a Banco Alimentare del Lazio.
“Abbiamo deciso fin dal 2011 di dare il nostro supporto al
progetto di recupero delle capsule da caffè in alluminio di
Nespresso – ha ricordato Giusi Carnimeo, Responsabile Raccolta,
Riciclo e Recupero del Consorzio CIAL -, che bene esprime i
vantaggi ambientali del riciclo dell’alluminio. Per il Consorzio
CIAL, il cui obiettivo principale è garantire l’avvio a riciclo
dei rifiuti di imballaggio in alluminio che in Italia ha
raggiunto il 70% nel 2019″.
Da Chicco a Chicco è nato infatti nel 2011 grazie a una
convenzione – rinnovata a gennaio 2018 – con CiAl (Consorzio
Nazionale Imballaggi Alluminio), Utilitalia e CIC (Consorzio
Italiano Compostatori), e ad oggi Nespresso ci ha investito
oltre 6 milioni di euro. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.