ULTIM'ORA
Advertising
This content is not available in your region

La Svizzera cambia strategia. Test anticorpali per ripartire più in fretta

euronews_icons_loading
swiss test covid
swiss test covid   -   Diritti d'autore  euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Un numero preciso non si ha. Si possono fare delle stime. In pratica dire quante persone in Svizzera abbiano già contratto il Covid-19 è molto difficile. Stando all’ultimo report dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), sarebbero circa 2 milioni e 800 mila gli elvetici che si sono infettati dall’inizio della pandemia. Uno su tre. Molti non se sono accorti. Niente sintomi o comunque molto lievi.

Le statistiche mostrano che solo circa 650.000 sono stati testati durante la fase acuta. Secondo il governo federale, i test attuali come i tamponi molecolari non sarebbero sufficientemente affidabili.

Test anticorpali per riaprire

Bisogna puntare sui test anticorpali per gestire meglio la campagna vaccinale e abolire più velocemente le restrizioni in atto. Per gli esperti le persone che hanno avuto il Covid è protetto per almeno 3-6 mesi quindi la dose di vaccino potrebbe andare alle persone che non hanno ancora contratto il virus. I sierologici sono più difficili da interpretare e meno veloci rispetto ai classici tamponi ma darebbero un risultato più attendibile e potrebbero essere usati come base per i passaporti di immunità.

Intanto mentre si guarda con preoccupazione alla nuova variante indiana, da una settimana ristoranti e bar hanno riaperto le loro terrazze. Servizio al tavolo ma solo all’aperto. Via libera anche a cinema, teatri, manifestazioni culturali e attività sportive ma sempre con posti limitati e un severo e rigido protocollo sanitario.