ULTIM'ORA
This content is not available in your region

L'Itinerario dei teatri antichi dell'Epiro, un viaggio nel tempo fino al presente

Access to the comments Commenti
Di Apostolos Staikos
euronews_icons_loading
L'Itinerario dei teatri antichi dell'Epiro, un viaggio nel tempo fino al presente
Diritti d'autore  euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Alcuni dei teatri più importanti dell'antica Grecia si trovano nell'Epiro, nel nordovest del paese. Con l'eccezione di Dodona, molti sono sconosciuti al grande pubblico. Ora un progetto europeo sostenuto dalle imprese locali cerca di farli conoscere riunendo cultura, gastronomia e vita reale.

​Far rivivere i teatri antichi​

La regione dell'Epiro ospita cinque dei più importanti teatri antichi della Grecia. Un progetto europeo punta a restaurare questi monumenti e collegarli fra loro con un nuovo percorso turistico che include i siti di Dodona, Gitana, Ambracia, Cassope e il teatro romano di Nicopoli.

Un impegno che fin dall'inizio è stato sostenuto e cofinanziato dall'Unione europea. La restaurazione dei monumenti e la percezione dei teatri antichi da parte del pubblico hanno rappresentato le sfide principali del progetto, dice l'architetto Georgios Smyris: "Siamo abituati a considerare i siti archeologici come vaste rovine da scoprire. Ma i teatri sono costruzioni con una funzione sociale. Un teatro antico può essere usato per insegnare recitazione, può essere usato a fini educativi. Qui le persone si incontrano e interagiscono. L'obiettivo non è solo vedere, ma usare. È questa la grande sfida".

2.500 anni di storia, inclusa quella presente

La regione dell'Epiro ha unito le forze con l'associazione Diazoma per lanciare il progetto denominato Itinerario culturale degli Antichi teatri dell'Epiro. Il percorso attraversa cinque siti archeologici in un anello di 344 chilometri che abbraccia 2.500 anni di storia.

Il budget del progetto è di 24 milioni di euro, l'80 per cento dei quali forniti dalla politica di coesione europea.

L'obiettivo è attrarre visitatori greci e stranieri che si interessano di archeologia, storia e arte. Ma non solo. A supporto del progetto è stato creato un cluster di imprese che coinvolge alberghi, ristoranti, agenzie turistiche e produttori locali. Perché, sostiene Nikos Karabelas del comitato di monitoraggio, "L'itinerario culturale sarà riuscito quando il visitatore assaporerà e percepirà la cultura attuale, la cultura quotidiana della regione che sta visitando. Il turista dovrebbe poter gustare il nostro eccellente olio d'oliva, acquistare le erbe che crescono nell'Epiro, assaggiare il miele. Insomma, vivere l'esperienza della calda e autentica ospitalità dell'Epiro".

Un'esperienza completa e unica

La regione ha molte storie da raccontare, e le autorità sperano che i turisti in visita ai siti restaurati vadano oltre. Fra i luoghi che, secondo loro, andrebbero visti, il castello ottomano di Giànnina e il museo dell'argenteria. La storica Georgia Kitsaki, dell'Agenzia per lo sviluppo dell'Epiro, spiega: "Il percorso culturale segue una tendenza esistente a livello europeo e internazionale. Oggi il visitatore vuole vivere un'esperienza completa e unica. Gli imponenti teatri antichi dell'Epiro sono solo l'inizio di un viaggio nel tempo che si conclude nell'affascinante e multiforme presente della regione".

​Appena la situazione sanitaria lo consentirà, la regione intende lanciare una campagna promozionale per attrarre turisti dall'Europa e dal mondo.​